WWE Christmas SmackDown, Kevin Owens (con Sami Zayn) sfida AJ Styles

Nel Main Event episodio controverso a cui partecipa anche il Commissioner Shane McMahon. Daniel Bryan indice un contest per la United States Championship.

Sami Zayn interferisce nel match tra AJ Styles e Kevin Owens a WWE SmackDown

12 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dalla Allstate Arena di Chicago, va in scena la puntata di Santo Stefano di WWE SmackDown. Uno show natalizio per il quale non è stato annunciato alcun match, ma in cui sicuramente ci saranno sviluppi riguardo la United States Championship lasciata vacante da Dolph Ziggler.

In sospeso poi la questione tra il Commissioner e il General Manager, cioè Shane McMahon e Daniel Bryan, che mantengono opinioni differenti in riferimento al trattamento da riservare ai "ribelli" Kevin Owens e Sami Zayn.

Sempre d'attualità, ovviamente, anche il discorso sulla Royal Rumble in programma il prossimo 28 gennaio e i cui partecipanti non sono stati ancora decisi. Allo stato attuale, non ci sarà certamente AJ Styles, anche se il suo titolo potrebbe essere messo presto in discussione dal suo prossimo avversario ancora da definire. Tutto questo e molto altro lo racconteremo come sempre nella rubrica WWE-ek SmackDown a cura di FOX Sports.

WWE SmackDown

La puntata comincia con il General Manager Daniel Bryan che sale sul ring e annuncia un torneo per stabilire il nuovo campione degli Stati Uniti, dopo le azioni di Dolph Ziggler della settimana scorsa.

Il suo discorso viene interrotto dall'ingresso di Chad Gable e Shelton Benjamin, che invece vogliono una chance per lottare per il titolo con gli Usos. I piani sono però gli stessi di Rusev e Aiden English, così come del New Day. Per risolvere la questione, il GM indice subito un Triple Threat Tag Team Match per stabilire i number one contender alle cinture degli Usos.

Chad Gable e Shelton Benjamin vs The New Day vs Rusev e Aiden English

Il match va in scena subito (con gli Usos spettatori al tavolo di commento) e viene vinto dalla coppia composta da Chad Gable e Shelton Benjamin, che sconfigge sia New Day, che Rusev e Aiden English (quest'ultimi molto vicini alla vittoria in almeno due occasioni) grazie allo schienamento di Chad Gable su Big E. 

Backstage

Passiamo con le telecamere nel backstage, dove Daniel Bryan ha un confronto con Shane McMahon: il Commissioner di WWE SmackDown critica la decisione presa dal General Manager riguardo il torneo per la United States Championship e sottolinea come qualcuno possa interpretare le sue mosse (ad esempio mettere Kevin Owens contro AJ Styles nel Main Event) come dei trattamenti privilegiati nei confronti di Kevin Owens e Sami Zayn.

The Bludgeon Brothers vs Breezango

Altra sfida tra i Bludgeon Brothers e i Breezango, che segue sempre la stessa scia dei precedenti, con Rowan ed Harper che disintegrano gli avversari. Rispetto al passato, però, questa volta gli ex membri della Wyatt Family si divertono a giocare come il gatto con il topo, evitando di schienare gli avversari per continuare a inferire su di loro. Si devono fermare però quando interventono gli Ascensions, che soccorrono i due amici e li portano via dal ring.

Intervistati subito dopo nel backstage, Konnor e Viktor annunciano che i Breezango (che non appaiano troppo convinti) sfideranno di nuovo Harper e Rowan.

Ruby Riott (con Liv Morgan e Sarah Logan) vs Naomi

Il match femminile viene vinto da Ruby Riott, che batte Naomi per schienamento grazie alle continue intromissioni di Liv Morgan e Sarah Logan. Anche questa volta al termine dell'incontro la Riott Squad continua a infierire sull'avversaria, fino a che non interviene Charlotte (intervistata la scorsa settimana da FOX Sports.it) in sua difesa.

Anche la campionessa femminile viene messa ko ed è a questo punto che si presentano Natalya, Carmella, Lana e Tamina, che attaccano le tre arrivate da NXT mettendole in fuga.

Backstage

Nel backstage viene intervistato AJ Styles, che annuncia il suo match non titolato contro Kevin Owens nel main event della serata, dicendosi sicuro di vincere, perché questo è il suo anno e lo sarà anche il 2018.

Bobby Roode vs Baron Corbin

Va in scena il primo match di qualificazione per l'assegnazione del titolo vacante di campione degli Stati Uniti. Di fronte Bobby Roode e Baron Corbin, cioè i due usciti sconfitti dal Triple Threat Match di Clash of Champions. La sfida viene vinta da Glorious, che batte The Lone Wolf grazie a un Roll-Up.

Jinder Mahal (con i Singh Brothers) vs Tye Dillinger

Secondo match in programma per il titolo lasciato libero da Dolph Ziggler è tra Jinder Mahal e Tye Dillinger, con l'ex campione WWE che riesce ad avere la meglio con la Khallas.

Backstage

Dopo un promo in cui Kevin Owens e Sami Zayn già preparano la festa (con solo loro due presenti) per la vittoria di stasera, Randy Orton e Shinsuke Nakamura ci annunciano la loro presenza nella Royal Rumble.

Kevin Owens (e Sami Zayn) vs AJ Styles

Siamo arrivati così al Main Event della serata di WWE SmackDown, con Kevin Owens, accompagnato da Sami Zayn, che sfida in un match non titolato AJ Styles.

I due canadesi si spalleggiano continuamente e Zayn interferisce nella sfida distraendo The Phenomenal. Per questo fa il suo ingresso Shane McMahon, che ordina all'arbitro di espellere Sami.

Si tratta però di un'arma a doppio taglio, perché nel frattempo AJ Styles schiena KO con un Roll-Up, che l'arbitro, distratto, non conta. Quando subito dopo fa la stessa cosa Kevin Owens, invece, il direttore di gara è tornato concentrato sul match e regala la vittoria al canadese. Uscendo dal ring AJ Styles guarda confuso e irritato Shane McMahon.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.