Mbappé e il retroscena: "Ecco perché ho detto no al Real Madrid"

Corteggiato da tutti i maggiori club del mondo Mbappé in estate ha scelto di andare al Psg, rifiutando il Real Madrid. Eppure lì c'è il suo idolo Cristiano Ronaldo.

Kylian Mbappé spiega perché in estate ha preferito il Psg al Real Madrid

28 condivisioni 16 commenti

di

Share

'Ciao, sono Kylian Mbappé, ho appena compiuto 19 anni e nel 2017 ho sconvolto il mondo del calcio a suon di gol. Ho portato il Monaco fino alla semifinale di Champions League e a vincere il titolo nella Ligue 1, interrompendo il dominio del Psg. In tutto nella passata stagione ho segnato 26 gol: li ho fatti di potenza, sfruttando la mia velocità e dimostrando grande tecnica. Per questo in estate sono stato pagato 145 milioni più 35 di bonus'.

Più o meno Mbappé con Marca ha parlato con questi toni e con questa tranquillità. Sa che in Spagna iniziano a temerlo, perché con il suo Psg sarà il prossimo avversario europeo del Real Madrid. È un ottavo di finale, ma sembra una finale. E il giovanissimo attaccante francese ha voglia di cominciare il 2018 a suon di gol, proprio come ha fatto per tutto il 2017.

Nell'intervista rilasciata al quotidiano spagnolo, Mbappé ha spiegato perché in estate ha scelto di andare al Psg invece di giocare per il Real Madrid campione d'Europa in carica. Una scelta difficile ma ponderata. Pensare che ai Galacticos avrebbe fatto coppia con Cristiano Ronaldo, il suo idolo, e ora invece si ritroverà a sfidarlo.

Vota anche tu!

Mbappé ha fatto bene a preferire il Psg al Real Madrid?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Mbappé spiega il rifiuto al Real Madrid

Il giorno prima della sfida contro contro il Real Madrid, Mbappé vorrà guardare con calma il Santiago Bernabeu, e prepararsi mentalmente alla sua prima volta in uno degli stadi più famosi al mondo. Perché sa che fare bene lì vorrebbe dire confermarsi su palcoscenici finora ancora inesplorati, e di conseguenza aver portato il Psg a fare il salto di qualità che insegue da anni. E pazienza se di fronte avrà Cristiano Ronaldo, l'idolo della sua infanzia.

È stato bello incontrarlo quando ho visitato Valdebebas, ma saremo avversari e io sono molto competitivo e voglio vincere. Continuo a guardarlo per imparare da lui, ma anche Neymar e Cavani mi stanno insegnando molto.

Poi spiega i motivi che lo hanno spinto a rifiutare il Real Madrid per il Psg. E anche in questo Mbappé dimostra di non essere banale.

Il PSG è la squadra della mia città. Un ragazzo di Madrid non avrebbe scelto di giocare in un altro paese se avesse potuto farlo col Real: volevo il Psg e sono felice di come stanno andando le cose.

Effettivamente in questo inizio di stagione sta facendo benissimo, come tutta la squadra. Magari tra qualche mese potrà raccontare della sua prima volta al Bernabeu, e di come ha segnato al Real Madrid di Cristiano Ronaldo. Che resta il suo mito e gioca nella squadra più famosa del mondo, ma se hai 19 anni e ti chiami Mbappé, non ci pensi due volte a mettere al primo posto la squadra della tua città.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.