UFC, McGregor tuona: "Non è mai stata una questione di soldi"

L'irlandese risponde ai detrattori e rilancia sul suo futuro.

191 condivisioni 2 commenti

di

Share

Se non è un ossimoro sportivo, poco ci manca. Sì, perché Conor McGregor ha affermato di non essere interessato ai soldi, essendo spinto da un puro e semplice desiderio di combattere. L'irlandese, campione pesi leggeri UFC, non entra nell'ottagono da oltre un anno: l'aver affrontato in un supermatch di pugilato Floyd Mayweather ha allungato ancor di più i tempi di rientro del fighter di Dublino, che ha accettato di affrontare una leggenda della boxe sul suo campo forte, perdendo e incassando un assegno multimilionario. 

Lo stesso McGregor, se ben ricordate, ha anche chiarito di non essere interessato a combattere in UFC fin quando non diverrà co-promoter dell'azienda per gli eventi in cui presenzierà. Ciò gli porterebbe introiti ancor più grandi rispetto a quelli di una semplice borsa - a cui si aggiungerebbero le altissime percentuali sui PPV venduti -, che ergerebbero ancor di più l'esponente dell'SBG Ireland a figura imprenditoriale di spicco nel mondo dello sport. E voi direte: dove sta il problema? Per saperlo basta leggere le ultime dichiarazioni del combattente irlandese.

Irelands next king

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

Interpellato da Sky Sports News, McGregor ha chiarito come il suo traino principale nel mondo dello sport non siano i soldi, bensì le sfide. Una parziale verità dunque quella del campione delle 155 libbre UFC, che ha dimostrato sia il suo amore per i confronti ostici ma anche un attaccamento alla moneta differente da quello non decantato nell'intervista.

Non è necessariamente una questione di soldi, per quanto mi riguarda. Io sono un appassionato del combattimento: amo lottare e continuerò a farlo finché la mia salute e la mia voglia di lavorarci su mi accompagneranno. So di essere dentro un business pericoloso, spietato. Fortunatamente sono ricco e anche se non ho bisogno di combattere ulteriormente lo faccio soltanto per amore verso tutto questo. Il ritiro? Guardo sempre tutto dal punto di vista dei danni. Quanti ne ho riportati? Come sta il mio cervello? Il mio fisico, la mia salute mentale e la mia preparazione stanno dando risultati? Sono abbastanza affamato per questo? Ecco, penso a tutto ciò. Prenderò la giusta decisione quando verrà il momento opportuno.

Rolling with notorious jiu jitsu great @paulomiyao in downtown New York.

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

UFC: le prossime mosse di McGregor

Nonostante tutte le polemiche è già tempo di rientro per McGregor, le cui quotazioni per un ritorno entro il primo semestre del nuovo anno sono in netto rialzo. Chi contro l'irlandese? Scartata a priori l'ipotesi di un ritorno nella boxe salgono ancora le chance di Tony Ferguson, campione pesi leggeri ad interim UFC. Il match di unificazione dei titoli appare oggi come la strada più logica da seguire, con l'eventuale "bella" con Nate Diaz - essendo i due sull'1-1 - che non sembra al momento attirare la maggioranza del pubblico mainstream.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.