La storia del SV Türkgücü Ataspor München: il club che imita il Lipsia

Pur stando in sesta serie, nella rosa del SV Türkgücü Ataspor München c'è chi l'anno scorso giocava in Europa League. E si punta a ripetere l'impresa del Lipsia.

Dopo il Lipsia anche il SV Türkgücü Ataspor München cerca la scalata nel grande calcio

13 condivisioni 1 commento

di

Share

Nostalgia del passato. Nostalgia dei tempi andati. Il SV Türkgücü Ataspor München vuole raggiungere i risultati dei suoi tempi migliori. La squadra, fondata nel 1972 da emigrati turchi, negli anni '90 è arrivata fino alla terza serie, riuscendo a portare allo stadio oltre 10mila spettatori. Ora l'obiettivo è ripetere quei numeri.

Il club può essere sconosciuto (in Italia), ma i giocatori che ha tirato fuori no: Cacau (nazionale tedesco), Ilhan Mansiz o Volkan Yaman (che invece sono arrivati a giocare con la nazionale turca). Nel 2001 SV Türkgücü Ataspor München è fallito e si è poi fondato con l'Ataspor. Ora l'obiettivo è quello di sfruttare la crisi del Monaco 1860 per tornare a essere uno dei club più importanti di Monaco.

Al momento il SV Türkgücü Ataspor München gioca in sesta serie, ma ha obiettivi ambiziosi: entro il 2020 vogliono riuscire ad arrivare almeno in quarta serie, alle porte del professionismo. Dopo il sesto posto dell'anno scorso il club ha investito parecchio (considerato il livello attuale della società). Vogliono vincere il campionato.

Cacau
Cacau ai tempi dello Stoccarda

Bundesliga, la storia del SV Türkgücü Ataspor München

La scorsa estate il SV Türkgücü Ataspor München ha preso una dozzina di giocatori nuovi. Fra loro anche atleti che hanno giocato nelle leghe professionistiche. Inoltre in panchina si è seduto Andrea Pummer, che nella passata stagione aveva vinto la quinta serie con l'Unterföhring. Tutto compreso, fra stipendi e spese varie il club paga circa 10mila euro al mese. È solo grazie agli sponsor se si riescono a pagare gli stipendi di Michael Hofmann, Yasin Yilmaz, Michael Kokocinski o Erdal Kilicaslan. Quest'ultimo ha fatto tutto il settore giovanile del Bayern Monaco e un anno fa giocava con i turchi dell'Osmanlispor in Europa League.

SV Türkgücü Ataspor München
Gli allenamenti del SV Türkgücü Ataspor München

Eppure il SV Türkgücü Ataspor München è solo secondo in classifica. Con quattro punti in più la capolista è il Freising. Troppo spesso i bavaresi vanno in difficoltà contro squadre che si presentano facendo un vero e proprio catenaccio. Yasin Yilmaz ha spiegato quali sono state le difficoltà incontrate dalla squadra in questi primi mesi di stagione:

Non pensavo che contro di noi le squadre giocassero così. È difficile, con noi moltiplicano tutti le forze. Ma lo capisco. Vogliono mettersi in mostra.

SV Türkgücü Ataspor München foto di squadra
La foto di squadra del SV Türkgücü Ataspor München

Per ben 5 partite di fila non sono arrivate vittorie. Per questo proprio Erdal Kilicaslan ha deciso di lasciare il club dopo 10 gol in 13 partite. La crisi però è stata brillantemente superata se si considera che nelle ultime 5 giornate sono arrivati 13 punti. A gennaio potrebbero arrivare altri giocatori, magari dalla Turchia a sostituirlo. In pratica il SV Türkgücü Ataspor München vuole ripetere quanto fatto dal Lipsia negli anni scorsi. Per questo chiedono a tutti gli emigrati di riempire lo stadio. Al momento il club deve accontentarsi di una media di 300 spettatori a partita. Ma il 12 maggio, quando alla penultima giornata si giocherà contro il Freising e ci si contenderà il primo posto, l'interesse può aumentare.

SV Türkgücü Ataspor München festeggiamenti
I festeggiamenti del SV Türkgücü Ataspor München

Ma che nessuno poi provi a salire sul carro dei vincitori. La nostalgia del passato al SV Türkgücü Ataspor München ce l'hanno fin da adesso. Un po' come a Lipsia. Partiti con poche decine di tifosi allo stadio, arrivati fino alla Champions League. Questione di investimenti, questione di programmazione, questione di ambizione. E a Monaco ce l'hanno tutte. E non solo al Bayern.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.