Catalogna, Guardia Civile segnala Guardiola per la ribellione

L'allenatore del Manchester City accusato di aver favorito la mobilitazione popolare dei catalani in favore di un'indipendenza unilaterale.

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

L'allenatore del Manchester City ed ex tecnico del Barcellona, Pep Guardiola, insieme al difensore catalano Gerard Piqué è tra le figure pubbliche che si sono schierate con più decisione a favore dell'indipendenza della Catalogna, il cui referendum dello scorso ottobre ha provocato grandissimi problemi all'interno della Spagna.

Guardiola si è da sempre espresso come promotore dell'autonomia della Catalogna, come conferma la sua adesione alla lista "Junts pel Sí" in occasione delle elezioni del 27 novembre del 2015.

Anche due mesi fa Guardiola si è espresso pubblicamente e proprio per questo è finito implicato in un processo molto più serio: secondo quanto riportato da El Nacional, infatti, il tecnico di Santpedor è stato segnalato dalla Guardia Civile, con l'accusa di aver favorito la mobilitazione per la dichiarazione d'indipendenza unilaterale.

Catalogna, Guardiola tra i principali sostenitori dell'indipendenza
Guardiola, tra i principali sostenitori dell'indipendenza della Catalogna

Catalogna, Guardiola segnalato dalla Guardia Civile

Guardiola è finito dunque nell'elenco di nomi di coloro che sono stati considerati "ribelli" e responsabili della manifestazione dello scorso 11 giugno, il cui fine era quello di sostenere e mobilitare tutti i fautori della via dell'indipendenza unilaterale.

Lo scorso ottobre, poi, il referendum e la successiva autonomia autoproclamata avevano portato al commissariamento delle istituzioni regionali, l'incriminazione di 18 candidati indipendentisti per ribellione e sedizione (Junqueras e altri tre dirigenti secessionisti sono ancora oggi in carcere) e lo scioglimento del Parlament.

L'indiscrezione riguardo la notifica da parte del corpo di Gendarmeria spagnolo nei confronti dell'ex tecnico blaugrana arriva proprio nel giorno delle nuove elezioni (dureranno fino alle 20 di stasera), cui sono stati chiamati all'appello gli oltre 5,5 milioni di cittadini catalani. Ieri sera anche Piqué si era espresso in favore dei una maggiore tolleranza e del rispetto di qualunque volontà dovesse emergere dai voti del popolo catalano.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.