I tifosi del Vicenza "adottano" la famiglia dell'ultrà della Samb

La storia di Luca Fanesi la conoscono tutti, tifosi e non: scontri dopo Vicenza-Samb, la polizia, la fuga, il coma. Meno nota la storia della sua famiglia, adottata dai tifosi rivali.

Famiglia dell'ultras 'adottata' dai rivali

44 condivisioni 7 commenti 0 stelle

di

Share

L'ultima scena, che ancora non ricorda, Luca Fanesi: scontri con la polizia a Vicenza, poi il buio, il coma. "Colpito dai manganelli", l'accusa, "caduto contro un cancello", risponde la Digos. Poi il lungo nulla, per lui, per la famiglia corsa subito a Vicenza, per la moglie. Quattro fratture craniche, la partita Vicenza-Samb del 5 novembre è un ricordo che sfuma, sovrastato da urgenze diverse, ambulanze, almeno due operazioni durissime. 

Ora, miracolosamente, Luca parla, vuole tornare a casa, la moglie Teresa ha provato a spiegargli che si trova a Vicenza, il tifoso della Sambenedettese non ricorda nulla, quel 5 novembre è scomparso dalla sua testa. In questi giorni comincerà la riabilitazione, la memoria riaffiorerà piano piano. 

La moglie gli ha mostrato i ritagli di giornale, per aiutarlo a ricordare, non ci crede, non capisce come sia finito al reparto di Rianimazione di Vicenza, anche se al medico del Pronto Soccorso, nei suoi ultimi momenti di coscienza, avrebbe parlato di manganellate. Tutto a verbale. Ora può parlare, la situazione critica sembra alle spalle, nei corridoi dell'ospedale ha incontrato anche i tifosi "rivali" del Vicenza, e gli ha subito chiesto: "Ma davvero state facendo tutto questo per me? Davvero state ospitando tutta la mia famiglia?".

Numerose manifestazioni di solidarietà per Luca Fanesi
Numerose manifestazioni di solidarietà per Luca Fanesi

Ultrà Samb in coma, i tifosi del Vicenza si occupano della sua famiglia

Un atto del tutto gratuito, solidarietà sincera: i tifosi del Vicenza non hanno fatto mancare nulla a Teresa, la moglie di Luca Fanesi, il tifoso della Samb precipitato in coma al termine di Vicenza-Sambenedettese. Una rivalità sentita, culminata con scontri violenti: ora è tutto finito, i tifosi del Vicenza si sono adoperati in prima persona per sostenere, anche solo logisticamente, la famiglia di Luca. Che ora "parla, ride, scherza e i suoi ricordi cominciano a riaffiorare", sussurra Teresa.

Ma ha vissuto momenti drammatici: le ambulanze, l'arrivo in ospedale, il coma: "Lo hanno operato d’urgenza, non si sapeva se sarebbe sopravvissuto". Dalle vicinanze dello Stadio "Menti" fino all'ospedale, dove Teresa ha raggiunto Luca. Proprio Teresa chiama i tifosi del Vicenza "i miei angeli": l'hanno aiutata anche economicamente, non le hanno fatto mancare nulla. Luca e Teresa hanno due figli, 7 e 13 anni, e per aiutarli i tifosi le hanno affittato addirittura una casa: 

Hanno provveduto a tutte le spese, si sono preoccupati di non farmi mancare nulla, pensando pure al cambio delle lenzuola.

Sulla storia di Luca, di come sia finito in ospedale, le versioni sono più che contrastanti. Gli scontri tra ultras, l'assalto di una trentina di tifosi della Samb, poi l'intervento della polizia, la fuga. La Digos sostiene che Fanesi, già sottoposto a Daspo dopo un precedente scontro con i tifosi della Ternana, correndo verso i pulmini  abbia urtato violentemente contro un cancello, crollando sull’asfalto. Una volta in piedi, sarebbe nuovamente caduto, sbattendo ancora la testa. Opposta la ricostruzione degli ultrà Samb, che accusano i poliziotti di aver colpito Fanesi con i manganelli anche a terra, "con almeno due testimonianze giurate", mormora Massimilano, il fratello di Luca, ex centravanti e dirigente della Samb.

Intanto le condizioni di Luca migliorano, "non ricorda nulla, dopo la partita è convinto di essere tornato a casa", dice la moglie. L'Italia del tifo si è stretta intorno a lui: "Luca non mollare", "Verità per Luca", "Luca tieni duro", fino ad arrivare in Germania, alla tifoseria del Bayern Monaco. C'è anche chi non si è fermato ad uno striscione, ma ha ospitato tutta la sua famiglia. E no, non sono stati solo sentimenti natalizi: Natale era ancora lontano, molto lontano. Molto più vicina la moglie di Luca, molto più vicina a Luca la sua famiglia. Anche grazie ai 'rivali' del Vicenza. 

Anche i tifosi del Bayern si sono stretti attorno a Luca Fanesi
Anche i tifosi del Bayern si sono stretti attorno a Luca Fanesi

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.