Clasico, il bilancio di Cristiano Ronaldo contro il Barcellona

Tutti i numeri del portoghese nelle sfide contro i catalani da giocatore del Real Madrid: per l'attaccante delle Merengues la tradizione non è favorevole.

13 condivisioni 6 commenti

di

Share

Si dice che la vendetta sia un piatto da servire freddo. Cristiano Ronaldo per prendersi la sua sul rivale di sempre, Leo Messi ovviamente, non ha dovuto attendere neanche troppo. Per la precisione 112 giorni, quelli trascorsi dal 23 aprile scorso, quando l'argentino aveva umiliato il suo Real Madrid al Camp Nou, realizzando la rete decisiva ed esibendo la sua maglia in faccia ai tifosi Merengues, e il 13 agosto successivo.

In quell'occasione, infatti, il portoghese ha reso "pan per focaccia", segnando al Camp Nou il gol del 2-1 (la rete del pari momentaneo era stata proprio di Messi) e utilizzando lo stesso tipo d'esultanza dell'argentino, con la maglia del Real Madrid alzata sotto lo sguardo indispettito dei tifosi catalani.

Quello è stato l'ultimo dei 17 gol in 28 incroci di Cristiano Ronaldo con il Barcellona da giocatore del Real Madrid: altri tre incontri (senza mai segnare), tra cui una finale di Champions League persa, li ha giocati con la maglia del Manchester United, rendendo il Barcellona la squadra più affrontata nella sua carriera in gare ufficiali (31), davanti all'Atletico Madrid (30), ma anche quella con la quale ha perso di più, ben 14 volte, 13 di queste nel Clasico, a fronte di 9 vittorie e 8 pareggi (rispettivamente 8 e 7 contando solo le gare da calciatore delle Merengues).

Clasico, il bilancio di Cristiano Ronaldo contro il Barcellona

Per quanto riguarda i suoi gol al Barcellona, come già detto, sono arrivati tutti da giocatore del Real Madrid. Nei 2402 minuti complessivi nel Clasico, Cristiano Ronaldo è andato a segno in più della metà delle partite giocate e, in media, una volta ogni 141 minuti, realizzando 2 doppiette e 13 gol singoli.

Curiosamente, però, in Liga non segna dalla vittoria per 2-1 al Camp Nou del 2 aprile 2016 e bisogna addirittura tornare indietro al 25 ottobre 2014 (3-1 per le Merengues) per ritrovare il suo ultimo sigillo in un Clasico giocato al Bernabeu.

Davvero troppo tempo per un giocatore come lui, che a suon di gol è arrivato a una sola distanza dal primato di reti nel Clasico per il Real Madrid, ancora di proprietà di Alfredo Di Stefano a quota 18. Un altro record che il portoghese ha tutta intenzione di abbattere, anche se per quello generale dovrà darsi ancora molto da fare: a quota 24, infatti, c'è proprio lui, Leo Messi. E CR7 sogna di poter servire un altro piatto gelato al suo storico antagonista, proprio in quella sfida lì, tra le Merengues e il Barcellona.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.