Premier League, Man City: pronti 22 mln all'anno per Guardiola

In Inghilterra sono certi: i Citizens vogliono blindare l'allenatore catalano, oggi primo in Premier League a +11 sul Manchester United.

15 condivisioni 15 commenti

di

Share

Primo in Premier League a +11 sulla seconda piazza, detenuta dai cugini del Manchester United allenati dal rivale Mourinho, qualificato con largo anticipo agli ottavi di finale di Champions League e in corsa nelle altre coppe nazionali. L'annata 2017/2018 del Manchester City e di Pep Guardiola è contraddistinta da un borsino più che positivo, attestato dal recente 4-1 interno inflitto sabato al Tottenham.

Dopo un primo anno di apprendistato con il calcio inglese, chiuso senza titoli all'attivo, Guardiola si appresta così a vivere una stagione da protagonista assoluto: in casa City, però, guardano già al futuro. Secondo i media britannici, infatti, la società di Khaldoon Al Mubarak sta già studiando una formula per prolungare il contratto dell'allenatore 46enne, oggi legato ai Citizens fino a giugno 2019.

L'offerta pronta sul piatto di Pep Guardiola sarà presentata ufficialmente a fine stagione, ma nelle intenzioni le cifre sono faraoniche: all'allenatore di Santpedor sarebbe prospettato un prolungamento del contratto fino al 2023, con un ingaggio che salirebbe a 22 milioni di sterline a fronte dei 16 attualmente percepiti dal Manchester City.

Premier League, Manchester City pronto a blindare Guardiola: 22 milioni di sterline a stagione

Offerta da sceicchi, appunto, che convertita in euro porterebbe a 25 i milioni annualmente versati dal Manchester City nelle tasche di Guardiola. Che rischierebbe così di infilare un altro record dopo quello di vittorie consecutive (16!) sin qui infilate in Premier League, dove i punti all'attivo per De Bruyne e compagni sono 52 sui 54 a disposizione sul cammino stagionale.

L'intenzione del Manchester City sarebbe così quella di garantire a Guardiola una continuità pluriennale in sella a una panchina, dopo i 4 anni con il Barcellona e il triennio alla guida del Bayern Monaco. Numeri, quelli del City 2017/2018 in Premier League e in Champions League, che premiano la voglia di confermare la fiducia in Pep nonostante una prima stagione di ambientamento (terzo in campionato, semifinale di FA Cup e ottavi in Champions e Coppa di Lega). Una serie di Under 23 di valore mondiale come Sterling, Sanè, Bernardo Silva, Gabriel Jesus, Stones, Mendy ed Ederson, uniti a giovanissimi quali Foden e Brahim e stelle quali De Bruyne, Aguero e David Silva, stanno compiendo l'opera voluta da Pep.

Guardiola assiste alla vittoria del Manchester City nel derby contro lo United
Pep Guardiola assiste alla vittoria del Manchester City sullo United

Un rapporto che sta premiando entrambe le parti, quello tra Guardiola e il Manchester City. La presenza del primo ha garantito al club una dimensione intercontinentale, le casse della società hanno finanziato il calciomercato milionario voluto in estate dall’allenatore spagnolo. Che ora potrebbe diventare la guida tecnica più pagata al mondo. Per lui c'è in cantiere un futuro pluriennale da manager a Manchester, come toccato su sponda United a un "certo" Sir Alex Ferguson.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.