Premier League, cori dei giocatori del Manchester City contro Mourinho

Al termine della vittoriosa sfida casalinga contro il Tottenham, i giocatori di Guardiola hanno intonato cori di scherno verso i rivali negli spogliatoi.

13 condivisioni 9 commenti

di

Share

Il derby di Manchester è finito da più di una settimana, ma la lite avvenuta avvenuta negli spogliatoi nel post-partita e le frecciatine lanciate dai due manager nelle rispettive conferenze stampa hanno alimentato le polemiche che non accennano a diminuire. 

Al termine della sfida contro il Tottenham dello scorso sabato, i giocatori del Manchester City hanno festeggiato (forse eccessivamente) negli spogliatoi la sedicesima vittoria consecutiva in Premier League.

In un video diffuso su Twitter da Benjamin Mendy, si vedono alcuni membri della squadra scattare qualche foto ricordo e intonare il coro "Park the bus, Man United", divenuto un vero e proprio tormentone tra i tifosi subito dopo la fine del derby. Insomma, nonostante siano passati oramai una decina di giorni dal fatidico derby di campionato ed entrambe le squadre abbiano giocato altre partite in Premier League, gli sfottò continuano senza sosta.

Premier League, il "no comment" di Mourinho ai cori dei Manchester City

Park the bus, park the bus Man United
Park the bus, park the bus I say
Park the bus, park the bus Man United
Playing football in José Mourinho's way

Parcheggiate pure l'autobus davanti alla porta, giocando con lo stile classico del vostro allenatore, tanto vinciamo lo stesso. Queste le parole del coro che i tifosi e i giocatori del Manchester City intonano da giorni. 

La festa dei giocatori del Manchester City dopo il gol dell'1-2 nel derby

Un motivetto diventato un vero e proprio tormentone. La Manchester calcistica avrà sicuramente tante altre cose di cui parlare nel corso di queste e delle prossime settimane, ma quel che è certo è che questo coro accompagnerà i Citizens e i suoi tifosi da qui al termine della stagione. 

Non rispondo alle provocazioni. Se dovessi seguire il loro esempio, dovrei festeggiare anche per aver vinto oggi. Non ha senso, i conti si fanno a maggio e non a metà dicembre. 

Queste invece le parole di José Mourinho, che subito dopo la vittoria contro il WBA è stato incalzato dai giornalisti che gli chiedevano quale fosse il suo pensiero sul video circolato in rete nelle ore precedenti. Un commento pacato che non lascia spazio a interpretazione: è ancora presto per mettere la parola fine a questa Premier League

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.