Ampadu, il "David Luiz del Galles": primo 2000 in Premier col Chelsea

L'ex difensore dell'Exter City ha fatto il suo ingresso in campo nel match con l'Huddersfield: è il primo 2000 con la maglia del Chelsea in Premier League.

28 condivisioni 15 commenti 0 stelle

di

Share

Mentre il Pordenone tentava l'impresa del nuovo millennio contro l'Inter a San Siro, oltremanica accadeva qualcosa che di impresa aveva poco, ma molto del nuovo millennio. Stiamo parlando del debutto di Ethan Ampadu con la maglia del Chelsea. Il primo ragazzo del 2000 a scendere in campo tra i grandi in Premier League (aveva già giocato in EFL Cup). Un debutto importante per Ampadu ma tutto sommato tranquillo. Già perché è entrato sul risultato acquisito di 3-0 per il suo Chelsea, contro l'Huddersfield Town, per giocarsi gli ultimi 10 minuti di partita. Storia.

Una serata serena per il Chelsea di Conte che dopo la sconfitta di sabato per 1-0 in casa del West Ham, nel post gara era stato amaro e aveva sententenziato che sarebbe stato davvero difficile poter puntare al titolo in Premier League dopo quattro sconfitte in sedici gare.

Un'amarezza alleviata dalla vittoria contro l'Huddersfield che gli ha permesso di osare e dare la possibilità ad un giovane classe 2000 di esordire in Premier League. Un regalo di Natale anticipato per il diciassettenne difensore del Galles che stava facendo parlare bene di sé e che alla sua età vanta già due presenze con la nazionale maggiore del Galles. Predestinato?

Chi è Ethan Ampadu, il giovane 2000 del Chelsea?

Nell'epoca in cui sono gli attaccanti i protagonisti principali del calcio, l'esordio di un difensore con un futuro di grandi speranze davanti è cosa rara. Metteteci anche che è nato il 14 settembre 2000, gioca nel Chelsea e a farlo esordire è stato Antonio Conte - uno degli allenatori più vincenti di tutta Europa - ecco allora che automaticamente un po' di aspettative sul suo futuro ci sono. Ethan Ampadu probabilmente lo sa, ma nei 10 minuti concessigli non ha tradito l'emozione.

Un talento particolare. Capelli folti e trecce rasta che già gli sono valsi l'appellativo di "David Luiz del Galles". Insomma, non passa inosservato. E qualcosa del brasiliano ce l'ha anche. Può giocare da centrocampista e ha piedi buoni. Altro? Ah sì, gioca nel Galles ma poteva scegliere anche l'Inghilterra, il Ghana o l'Irlanda.

Il giovane Ampadu, infatti, è nato in Inghilterra e con la nazionale inglese ha giocato con l'Under 16. Il ct del Galles però lo ha chiamato con sé e gli ha dato la possibilità di debuttare in nazionale maggiore contro Panama e Francia. Insomma non sa aspettare. La possibilità di giocare con l'Irlanda e il Ghana, invece, viene dai suoi nonni. Il papà è un ex giocatore inglese con una discreta carriera: è stato giocatore dell'Arsenal, West Bromwich e Swansea negli anni '90. Ma anche lui ha giocato per un'altra nazionale... l'Under 21 dell'Irlanda.

Talento precoce

Un talento sbocciato in fretta e che speriamo non appassisca altrettanto in fretta. Un campione del domani, ma che vuole arrivare oggi. A 15 anni, 10 mesi e 26 giorni ha fatto il suo esordio in EFL Cup diventando il più giovane giocatore al debutto con l'Exeter City. Per intenderci ha battuto il record di tal Cliff Bastin (centrocampista con un passato glorioso anche all'Arsenal) stabilito 87 anni prima. Chapeau.

Nonostante la velocità con la quale è arrivato ad esordire in Premier League e in nazionale non è riuscito a battere il record di esordio più giovane - con la maglia del Chelsea - nel massimo campionato inglese. Il record appartiene infatti a Jody Morris che a 17 anni e 44 giorni , il 4 febbraio del 1996, esordì contro il Middlesbrough. Se il futuro di Ampadu, in termini di trofei vinti, sarà uguale o superiore a quello di Morris forse potremmo dire di aver visto esordire una stella a Stamford Bridge.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.