"Gli interisti devono stare nelle fogne", poi arrivano le scuse

Le parole di Sandro Pellò, responsabile di Comunicazione Bianconera, a Juve Tv accendono le polemiche: lui fa retromarcia con un video su Twitter.

521 condivisioni 161 commenti 1 stella

di

Share

Si infiamma la settimana che conduce al Derby d'Italia tra Juventus e Inter, in programma sabato sera alle 20.45 all'Allianz Stadium di Torino. Ad aumentare il livello di tensione fuori dal campo è stato Sandro Pellò, presidente di Comunicazione Bianconera, club che riunisce giornalisti e comunicatori juventini in Italia e nel mondo, intervenuto nel post-partita di Olympiacos-Juventus 0-2 in una trasmissione di Juve Tv

A pochi giorni da una delle sfide più sentite del campionato di Serie A, Pellò si è espresso con frasi shock nei confronti dell'Inter e dei suoi tifosi, accompagnate dalle risate di sottofondo di alcuni ospiti in studio:

Parole molto dure, che non sono passate affatto inosservate soprattutto sui social, tra l'indignazione di tanti tifosi interisti e le decise prese di distanza di diversi sostenitori bianconeri. Lo sfogo di Pellò non ha fatto altro che alimentare le polemiche di una partita già carica di attese, per storia e classifica. L'Inter di Luciano Spalletti arriverà all'Allianz Stadium da prima in classifica con 39 punti, mentre la Juventus insegue in terza posizione a quota 37, a -1 dal Napoli secondo. 

"L'Inter deve stare nelle fogne": poi le scuse di Pellò

Il polverone sollevato dalle dichiarazioni di Pellò sul canale ufficiale della Juventus, apparse decisamente esagerate nei toni e nei contenuti, è stato poi solo parzialmente frenato dalla retromarcia del diretto protagonista. Che ha scelto un video su Twitter per scusarsi pubblicamente:

Le dichiarazioni di Pellò sono riuscite in un'impresa rara: unire i pareri della gran parte dei tifosi dell'Inter e della Juventus. Una parentesi già dimenticata, in attesa del Derby d'Italia in calendario sabato sera, nel quale ci sarà in palio un pezzo della vetta di Serie A.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.