Messi, altro sfregio alla statua: distrutta nuovamente due giorni fa

Vandali in azione sulla scultura della Pulce che si trova a Buenos Aires, nel Paseo de la Gloria. É il secondo episodio nel giro di un anno.

522 condivisioni 26 commenti 5 stelle

di

Share

I vandali ci hanno preso gusto. E non è una bella cosa. La statua di Lionel Messi a Buenos Aires è stata ancora una volta sfregiata. Era già successo a gennaio scorso. Quasi un anno fa il danno fu minore, adesso il busto in bronzo del calciatore del Barcellona è stato trovato totalmente a terra.

Un altro danno, l’ennesimo, dopo che la statua era tornata al suo posto. Un attento restauro, qualche mese di vita, e poi la nuova beffa.

Ancora ignoti i colpevoli. La stella Lionel Messi non commenta. Ora a Buenos Aires sono pronti di nuovo a risistemare l’installazione, con la speranza che non accada più.

Messi e la statua danneggiata
La statua di Messi danneggiata e un turista che guarda incredulo

Lionel Messi, la statua in Argentina ancora danneggiata

A gennaio solo le mani, questa volta i vandali hanno fatto un danno più grave. La statua di Lionel Messi, situata sul Paseo de la Gloria nella Costanera Sur di Buenos Aires, è stata totalmente tranciata all’altezza delle caviglie. Piedi rimasti attaccati al blocco di marmo e corpo lasciato a terra.

Siamo al secondo danno nel giro di poco tempo. La scultura di Leo fa parte di una serie ideate appositamente per omaggiare i grandi dello sport argentino come Guillermo Vilas, Gabriela Sabatini, Manu Ginobili, Juan Manuel Fangio e Luciana Aymar. L’unica ad aver ricevuto questo trattamento. Lo scultore, Carlos Benavidez, ha commentato amaro:

Ogni volta che mi dicono dello sfregio ad una statua di quel posto penso a quella di Messi, ma dovremo risolvere questa situazione dopo la Coppa del Mondo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.