Premier League, Guardiola: "Davvero Pogba spera negli infortuni dei miei?"

Occhi sgranati, una risata, poi la replica da signore: Pep chiude il caso delle parole del francese in vista del derby di Manchester.

837 condivisioni 14 commenti 5 stelle

di

Share

Ha sgranato gli occhi, ha riso e poi ha gettato acqua su un fuoco che aspettava solo di essere alimentato. Ne è uscito da signore, Pep Guardiola, da una situazione in cui rilanciare e alzare i toni del confronto sarebbe stato semplicissimo. Il contesto è quello offerto dalle dichiarazioni di Paul Pogba, nel post partita di Arsenal-Manchester United: parole che hanno fatto gridare allo scandalo, con il centrocampista francese che si augurava di vedere qualche rivale del Manchester City out per infortunio.

Già, perché il menù della prossima giornata di Premier League regalerà una sfida che non ha bisogno di presentazione: domenica 10 dicembre, alle 17.30, va in scena il derby di Manchester. All'Old Trafford arriverà la capolista assoluta, la dominatrice impietosa di un campionato che sembra aver già scelto la propria regina.

Otto i punti di distacco tra i Citizens di Pep e i Red Devils di Mourinho: la stracittadina della 16ª giornata sa tanto di ultimo appello per le ambizioni da titolo dello Special One. Il suo antico rivale ai tempi del Clasico di Spagna si presenterà al Theatre of Dreams da imbattuto e con 14 vittorie sulle 15 gare di Premier League disputate finora. Mou spera di rosicchiare tre punticini nella scala che lo separa dal catalano, ma dovrà fare a meno dello squalificato Pogba. Ed ecco che ci ricolleghiamo al botta e (elegante) risposta tra l'ex Juventus e lo stesso Guardiola.

Premier League, Guardiola chiude il "caso Pogba"

Una prestazione maiuscola, da top player assoluto, prima della macchia. Contro l'Arsenal, il fuoriclasse francese ha disputato una delle sue partite migliori da quando è tornato alla casa madre. Il rosso rimediato per un'entrataccia su Bellerin lo costringerà però a saltare il derby. Dopo il fischio finale, intervistato dalla BBC, l'ex bianconero si era poi lasciato andare a un'uscita parecchio discutibile:

So che è brutto dire cose del genere, ma spero che il Manchester City avrà giocatori importanti infortunati come è capitato a noi.

Premier League, il botta e risposta tra Pogba e Guardiola
Premier League, Guardiola risponde da signore all'augurio di Pogba

Una speranza reale, forse una battuta non proprio riuscitissima. Fatto sta che il classe '93 ha poi cercato di spiegarsi meglio:

Un piccolo cambiamento li rende più deboli. Ogni volta a noi mancano giocatori quando ci sono partite importanti. Così, se comincia a succedere anche a loro, forse avremo una differenza inferiore tra le due squadre.

Arriviamo così alla conferenza post partita di Guardiola, reduce dall'ennesima vittoria (con tanto di rimonta) contro il West Ham. Quando gli hanno fatto notare le parole del numero 6 dei Red Devils, Pep sembrava incredulo:

Lo ha detto veramente?!

Tutti si aspettavano allora un'attacco da contraerea del manager degli Sky Blues. È proprio in quel momento, invece, che l'ex tecnico del Barcellona ha estratto un metaforico secchio d'acqua e spento le fiamme sul nascere:

Spero vivamente non ci succeda (che s'infortunino i suoi giocatori, ndr). E sinceramente vorrei che Pogba giocasse contro di noi. A me piace affrontare le squadre con la loro migliore formazione possibile per capire se siamo in grado di batterle.

Vota anche tu!

Come finirà il derby di Manchester?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Con tono da chi, rispetto al giovane Paul, è sicuramente più navigato e saggio, ecco poi l'assoluzione finale:

Alla fine credo che il suo sia stato solo un modo di dire, sono sicuro che lui non volesse augurare un infortunio a nessun giocatore.

Caso chiuso. Pep il pompiere è intervenuto prima che l'incendio prendesse il largo. Il derby di Manchester, del resto, sarà già caldissimo di suo: lo United vuole riaprire clamorosamente la lotta per il titolo, il City vuole mettere la parola "fine" virtuale (ma neanche troppo).

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.