Liga, il Siviglia batte 2-0 il Deportivo: gol di Ben Yedder e Krohn-Dehli

I padroni di casa vincono grazie alle reti di Ben Yedder e Krohn-Dehli, una per tempo.

155 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Da una parte il Siviglia: la possibilità di scavalcare momentaneamente il Real Madrid, il periodo di forma positivo, l'aria di alta classifica. Dall'altra il Deportivo La Coruna: la palude degli ultimi posti, la vittoria nella Liga che manca da un mese, l'eliminazione dalla Coppa del Re. Motivazioni a confronto alle ore 18:30, i padroni di casa con i pensieri rivolti sia al campo che a Berizzo, che nel frattempo è tornato a casa dopo l'operazione. Tutto lo Stadio Ramón Sánchez-Pizjuán a cantare in un'atmosfera fantastica: gioco di luci straordinario nel pre-partita, stadio al buio. Poi si alza il sipario.

E forse il Siviglia di Marcucci non si aspettava una squadra così arrembante, ma gli ospiti nella prima frazione di gioco hanno resistito senza subire troppo e si sono resi pericolosi in attacco. Hanno giocato a viso aperto: chiudendosi, sì, ma ripartendo con ordine e con idee concrete. Un Depor coraggioso, che stava meritando il pareggio. Poi Nolito si inventa un tunnel al minuto 45 e serve Ben Yedder che non sbaglia. Il maggiore tasso tecnico che emerge e piega in due l'avversario.

Nel secondo tempo i padroni di casa si limitano a gestire il vantaggio e le energie, che saranno indispensabili mercoledì in Champions League. Non a caso Muriel non ha giocato neanche un minuto, mentre Correa e Jesus Navas sono entrati solo quando il raddoppio era già arrivato grazie a una papera di Ruben. Festeggia Krohn-Dehli, festeggia tutta la squadra: la classifica della Liga sorride al Siviglia. 

Liga, il primo tempo di Siviglia-Deportivo La Coruna

La prima palla gol è sui piedi del Mudo Vazquez, che al 4' si inserisce in maniera perfetta e coglie l'assist di Nolito, sparando però il pallone alle stelle a due passi dalla porta. Il Siviglia fa la partita, gli ospiti aspettano e ripartono, ma senza successo. Senza successo anche gli attacchi di Banega e compagni, che faticano a trovare gli spazi giusti e commettono qualche errore di misura non da loro. Il Deportivo La Coruna allora prende coraggio e si fa vedere dalle parti di Soria al 17', ma il tiro di Adrian si spegne sul fondo. 

Un'ottima occasione arriva sui piedi del terzino Escudero, che al 20' impegna Ruben dalla stessa mattonella che prima aveva visto protagonista Vazquez. Lo stesso Mudo raccoglie un pallone vagante in area un minuto dopo, ma invece di tirare tergiversa, la stoppa, cerca di spostarsela e finisce per perderla. Dopo dieci minuti di studio e palleggio, il Depor squilla: Perez si infila in area al 30' e la mette in mezzo, Soria respinge e Nolito (!) anticipa Cartabia, impedendogli di tirare a porta vuota. Brivido Siviglia. E la partita si accende, Nolito da fuori area impegna Ruben con un bel destro, poi al 35' è Adrian a chiamare in causa Soria col destro: due tiri centrali, reti ancora inviolate. 

Le squadre si scoprono un po' negli ultimi minuti del primo tempo: il Depor prova a farsi sotto, a offendere, ma non sfonda, neanche su calcio di punizione; il Siviglia cerca di imporre il suo gioco ma non va oltre il calcio d'angolo. Poi, quando ormai la prima frazione sembrava essere destinata allo 0-0, ecco la giocata di Nolito dentro l'area, assist con tunnel per Ben Yedder che controlla con la suola e batte Ruben. 1-0, festa Siviglia.

Il racconto del secondo tempo, nel segno di Krohn-Dehli

Nessun cambio per Marcucci e Parralo, nei primi cinque minuti succede poco o nulla poi il Deportivo La Coruna si risveglia: Adrian si auto-lancia, serve Perez che da posizione defilata prova a sorprendere Soria che respinge. Il pallone torna tra i piedi di Adrian che prova a piazzarla, ma Escudero respinge il tiro. Il Siviglia capisce che è arrivato il momento di addormentare la partita e cerca di tenere il possesso palla, ma gli ospiti non mollano.

Al minuto 57 Banega illumina e il Mudo prova la magia al volo di sinistro, ma Ruben vola e disinnesca il pallonetto. Parralo gioca la carta Andone: al 63' esce capitan Borges ed entra in campo l'attaccante rumeno, a secco di gol da due mesi. La squadra ospite prova a spingere, ma Lenglet sembra insuperabile. Si muove anche la panchina del Siviglia: 68', Vazquez abbandona il terreno di gioco scuro in volto, dentro Krohn-Dehli. Il Deportivo con il passare dei minuti sembra perdere convinzione, mentre Nolito e compagni sembrano volersi accontentare dell'1-0.

Parralo cambia ancora al 76': fuori Cartabia, dentro Carles Gil. Ma le cose cambiano in positivo per il Siviglia: tre minuti dopo il neo-entrato Krohn Delhi tira da fuori area, una conclusione non irresistibile che però Ruben si lascia scappare. Papera del portiere e palla all'angolino, raddoppio per la squadra di Marcucci, che ha decisamente azzeccato il cambio. All'82' esce Adrian Lopez, in campo va Emre Colak. Qualche minuto regalato a Correa e Jesus Navas nel finale, quando il risultato è già in cassaforte. 

Il Siviglia sfiora anche il terzo gol nell'ultimo minuto di recupero, ma il risultato non cambia: il Depor esce sconfitto dal Ramón Sánchez-Pizjuán. E se la classifica della Liga per i padroni di casa sorride, per gli ospiti piange: il Depor deve sperare che Las Palmas e Alaves non ottengano troppi punti contro Betis e Griona. Altrimenti la situazione si farebbe ancora più nera. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.