UFC, Conor McGregor pensa al ritorno: marzo il mese giusto?

L'irlandese potrebbe tornare in azione a UFC 222: affronterà con tutta probabilità Tony Ferguson.

207 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Conor McGregor può tornare a UFC 222. Ormai è sfumata del tutto la possibilità di vedere l'irlandese come main eventer della card del prossimo 30 dicembre, che con tutta probabilità vanterà comunque un altro match titolato a parte il già citato Cris "Cyborg" Justino vs Holly Holm, valido per il titolo pesi piuma femminili. La vicenda legata ai presunti conflitti con alcuni esponenti della malavita di Dublino non sembra aver scalfito lo smisurato ego di "Notorius", che non curante della questione continua a scherzare sui social.

Respect to Martin they hassled the bollox out of him as well hahah

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

Qualora i rumors filtrati venissero confermati per McGregor si tratterebbe di un ritorno alla T-Mobile Arena di Las Vegas (Nevada), ad oltre un anno e mezzo di distanza dalla vittoria su Nate Diaz. Per la card del 3 marzo prossimo UFC ha annunciato soltanto due match al momento, con Cat Zingano vs Ketlen Vieira ed Hector Lombard vs. C.B. Dollaway che troveranno luogo rispettivamente nella categoria pesi gallo femminili e pesi medi. L'eventuale avversario del campione pesi leggeri sarebbe il parigrado ad interim Tony Ferguson, che a gran voce continua a chiedere la sfida di unificazione delle cinture.

The celebrity

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

Nel frattempo però le recenti azioni di McGregor - che tra invasioni di gabbie e presunte risse non sta affatto vivendo un bel periodo - hanno suscitato non poche reazioni all'interno della comunità delle grandi MMA. A rimpolpare lo schieramento dei detrattori dell'irlandese ci ha pensato anche Tyron Woodley: il campione pesi welter UFC, da sempre polemico nei confronti di Conor, non ha lesinato aspre critiche a seguito dei pessimi comportamenti tenuti dal rappresentante dell'SBG Ireland.

Secondo me Conor ha soltanto bisogno di fermarsi un po'. Sta vivendo la sua vita a mille, pensando di essere intoccabile e invincibile. Ha inoltre necessità di diventare umile. Se le sue ultime azioni possono essere dettate da alterazioni dovute ad alcol o droga? Non so. Io odio le droghe e odio associare il nome di qualcuno ad una cosa simile. Di certo però le sue azioni mi portano a pensare che possa essere alterato da qualcosa. Che sia l'alcol o il sonno? Non so. Se McGregor fosse stato sobrio o nel pieno delle sue facoltà mentali non credo avrebbe compiuto gesti simili. Ma poi penso: alla fine chi conosce Conor? Magari è davvero così.

Tyron Woodley a BJPenn.com

UFC: McGregor contro tutti anche in tribunale

Non c'è due senza tre: sì, perché Conor McGregor non ha soltanto invaso la gabbia di un evento di MMA e litigato in un pub. Notorius, che nel marzo scorso era stato multato per forte eccesso di velocità, si è reso protagonista anche di un alterco in tribunale. Tutto sarebbe dovuto al fatto che l'irlandese, stando a quanto raccolto dai media locali, avrebbe presenziato all'udienza legata al caso con un forte ritardo, scatenando le ire del giudice di turno. Nessuno aveva idea di dove si trovasse il fighter nativo di Dublino, che si è comunque recato al processo dopo aver postato una manciata di selfie pre-comparsa. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.