Serie B, ecco come sarà lo stadio del Pescara: presentato il progetto

Oltre 20mila posti a sedere, dovrebbe essere pronto tra il 2020 e il 2021. Occuperà una superficie di 18700 mq nel cuore della Pineta D’Annunziana.

3k condivisioni 125 commenti 0 stelle

di

Share

Sarà pronto tra il 2020 e il 2021, conterà 20.700 posti a sedere e si svilupperà su una piazza coperta, con 1600 parcheggi suddivisi su 4mila metri quadrati. Sono alcuni dei numeri della Pescara Arena, nome provvisorio del nuovo stadio della città di Pescara, presentato dal presidente biancoceleste Daniele Sebastiani, dal numero 1 del CONI Giovanni Malagò e dal presidente dell’Istituto del Credito Sportivo Andrea Abodi.

Lo stadio Adriatico, quello dove oggi la formazione allenata da Zdenek Zeman, dodicesima in Serie B, gioca le partite in casa, diventerà nei piani la casa dell’atletica leggera. I dettagli del nuovo impianto sportivo di Pescara sono stati esposti in conferenza stampa da Umberto Sgambati, amministratore delegato della società di ingegneria Proger, Program Manager del progetto. In una zona inferiore rispetto al campo sorgeranno spogliatoi, sala stampa, locali antidoping, palestra, uffici societari e sala conferenze. In tribuna centrale troveranno spazio 30 tra SkyBox e Ground Box. 

A completare l'opera, un'imponente mole di infrastrutture: tra queste, 20mila metri quadrati di spazi commerciali e una nuova fermata ferroviaria dedicata allo stadio del Pescara. Un progetto, quello del club adriatico, che segue la scia tracciata dai quattro impianti di proprietà di una squadra di calcio oggi presenti in Italia: l’Allianz Stadium della Juventus, la Dacia Arena (casa dell’Udinese), il Mapei Stadium di Reggio Emilia dove gioca il Sassuolo e in Serie B il Benito Stirpe di Frosinone, inaugurato nello scorso settembre.

Serie B, ecco il nuovo stadio del Pescara: consegna tra il 2020 e il 2021

Tra i club militanti in Serie B, ad oggi il Frosinone risulta l'unico a possedere uno stadio di proprietà. Una schiera che il Pescara vorrebbe allungare grazie a un progetto costato oltre 75 milioni di euro, al quale hanno dato il proprio contributo solo investitori privati, tra i quali due pescaresi doc come Marco Cerritelli della McDermott e Massimo Marcovecchio della Lambert Smith Hampton Limited. Lo stesso presidente della Delfino Pescara 1936 Sebastiani ha evidenziato l'importanza dell'opera per la città.

Avere le infrastrutture è importantissimo per le società di calcio e per la città che la ospita. Parliamo della nona azienda italiana per fatturato, con 500mila lavoratori impiegati. Questo è un progetto della città.

In sede di presentazione è intervenuto anche il patron della Sampdoria Massimo Ferrero. L’ispirazione del modello scelto dal Pescara è però nell’AMEX Community Stadium, casa del Brighton, club neopromosso in Premier League: in otto anni l’impianto ha portato a un aumento di fatturato del 500%.

Il messaggio che parte da Pescara è chiaro: a 6 mesi dalla retrocessione in Serie B, in casa del Delfino sono pronti a riscrivere la storia. L'emozionante corollario offerto dai video-saluti di campioni del passato biancoazzurro come Leo Junior, Ciro Immobile e Gianluca Lapadula ha permesso di riannodare i fili con le emozioni. Quelle che la Pescara Arena - come si chiamerà poi, si vedrà - è pronta a garantire.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.