Calciomercato, Mascherano: "Trattavo con l'Inter, poi il Barcellona..."

Sliding doors da calciomercato: quando i'argentino lasciò il Liverpool fu a un passo dai nerazzurri.

459 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Trattasi di classiche Sliding Doors da calciomercato, qualcosa che poteva essere e che invece non è stato. Affari sfumati all'ultimo, trattative ipotizzate ma mai cominciate e sogni rimasti tali. Di cose del genere ne nascono di nuove ogni sessione, anche se spesso queste vengono rivelate (oppure semplicimente arricchite di dettagli) solo a distanza di tempo.

In certi casi attraverso la forma del rimpianto, come quello palesato da Totti per non aver giocato con Ronaldo nel Real Madrid, in altri solo come semplice racconto dei fatti, forte di una posizione che non porta davvero ad averi rimorsi per la scelta presa anni prima.

È questo il caso di Javier Mascherano e della sua decisione di trasferirsi nel 2010 dal Liverpool al Barcellona. Difficile avere rimpianti, d'altronde, dopo due Champions League, due Mondiali per Club, due Supercoppe europee, 4 vittorie in Liga, 4 Coppe e 3 Supercoppe di Spagna. L'argentino ha vinto tutto quello che poteva con la maglia blaugrana, ma il destino sarebbe anche potuto non essere tale, se avesse aperto la prima sliding door di calciomercato, quella dell'Inter, che gli si presentò di fronte.

Mascherano vicino all'Inter prima di trasferirsi al Barcellona
Calciomercato: prima di andare al Barcellona, Mascherano a un passo dall'Inter

Calciomercato, Mascherano è stato a un passo dall'Inter

Non è certo un mistero che l'Inter abbia provato a prendere Mascherano quando era in uscita dal Liverpool, ma a distanza di tempo è lo stesso giocatore a raccontare cosa accadde quell'estate di calciomercato, confermando di essere stato a un passo dal vestire la maglia nerazzurra nel 2010, anziché quella del Barcellona.

È stata un'estate molto burrascosa per me. Rafa Benitez aveva lasciato il Liverpool e c'era la possibilità che io lo seguissi all'Inter. Siamo stati a negoziare con il club nerazzurro per 15 o 20 giorni, ma le cose non sono sono andate come volevamo. Io però avevo deciso di andarmene perché era partito l'allenatore che mi aveva voluto prendere dal West Ham. Così ho pensato di fare un passo avanti nella mia carriera.

Ed è proprio in quel momento che è nata una nuova opportunità, un'altra porta scorrevole che ha segnato per sempre la sua carriera da calciatore:

La trattativa con l'Inter non accennava a riaprirsi e ormai mancavano 15 giorni alla chiusura del calciomercato. In quel momento mi contattò il Barcellona e iniziò a parlarmi della possibilità di trasferirmi in Spagna: Yaya Touré se n'era andato e serviva un giocatore che si alternasse con Busquets. Parlai con Messi, ma già sapevo che fosse un sogno venire al Barcellona di Guardiola, con tutto ciò che rappresentava in quel momento. Mi è dispiaciuto andarmene via dal Liverpool in quel modo e infatti vorrei evitare di fare lo stesso con il Barcellona. Ma in quel momento era la mia possibilità. Un club del genere non ti cerca per due anni di seguito: se dici "no", ne prendono un altro e tanti saluti. Questa è la realtà.

Mascherano infatti ha detto sì. Probabilmente già lo immaginava, ma a distanza di tempo ora può dirlo con certezza: la scelta si è rivelata azzeccata.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.