Qual è lo stadio più grande del mondo? Ecco i primi 10 per posti a sedere

Ogni impianto ha una storia a sé, nella quale spesso si mischiano tradizione e superstizione. Con un punto in comune: la folla oceanica

69 condivisioni 10 commenti

di

Share

In Italia se parliamo di stadi pensiamo subito al calcio, e di certo non possiamo vantare impianti moderni come ne troviamo in Premier League, o in Bundesliga. Solo poche società hanno investito in questo senso con stadi di proprietà: Juventus, Sassuolo, Udinese e, in Serie B, il Frosinone. L’Atalanta inizierà i lavori a breve, mentre il futuro di quello della Roma sembra ancora da scrivere.

Se cerchiamo lo stadio più grande del mondo, anche l’Europa non basta. Nemmeno uno, tra i primi dieci in classifica, è nel Vecchio Continente: a farla da padrone sono gli Stati Uniti e con essi, ovviamente, il football americano.Comodi seggiolini, aree relax, negozi e bar: tutto quello di cui si ha bisogno per godersi un’esperienza a 360°, che non sia circoscritta al solo evento sportivo, e che coinvolga lo spettatore in un’esperienza totalizzante, molto prima del fischio d’inizio, e anche dopo l termine delle ostilità.

Se in classifica il pieno lo fanno gli impianti a stelle e strisce, allora c’è da aspettarsi anche innovazione, tecnologia: il meglio di quanto possa vantare l’ingegneria delle costruzioni. Una nota fondamentale: tra i primi 10 impianti, otto sono negli USA, ma lo stadio più grande del mondo si trova in Asia.

Qual è lo stadio più grande del mondo?

10. Melbourne Cricket Ground, Australia - 100.024 posti

Ad aprire questa classifica uno dei due impianti fuori dagli USA: voliamo in Australia, a Melbourne per la precisione. Il Melbourne Cricket Ground dice già tanto dell'impianto che può ospitare fino 100.024 persone: inaugurato addirittura nel lontano 1853, oltre al cricket ospita anche le partite del football australiano. Conosciuto anche come footy, è l'attività sportiva più praticata in Australia, e si gioca su un campo ovale con due squadre formate ciascuna da 18 elementi.

Ma negli anni il Melbourne Cricket Ground non si è limitato a ospitare solo partite di cricket o football australiano. Tra i numerosissimi eventi legati per sempre alla storia di questo impianto, possiamo ricordare i concerti di Michael Jackson, dei Rolling Stones, degli U2 e di Madonna, oppure le partite della nazionale di calcio, di quella del rugby e le visite di papa Giovanni Paolo II e della Regina Elisabetta II.

Il record di spettatori sul terreno di gioco è stato stabilito nel 1959 dalla cerimonia religiosa del predicatore Billy Graham, registrando la presenza di oltre 143.000 persone. Nel 1869 e nel 1878 fu teatro di gare ciclistiche e di incontri di tennis, nella Seconda Guerra Mondiale fu addirittura requisito dall'esercito per usi militari!

9. Darrell K Royal - Texas Memorial Stadium, Texas - 100.199 posti

Quando fu inaugurato, nel 1924, il Darrell K Royal poteva ospitare al massimo 27mila persone. 82 anni dopo, il 4 settembre 2016, alla partita tra i Texas Longhorns e Notre Dame, assisterono 102.315 persone, anche se la capienza massima ufficiale è fissata a 100.199 posti. L'impianto originario fu costruito su iniziativa del direttore atletico di allora, Theo Bellmont, e fu finanziato interamente dalle donazioni di studenti e alunni, per un importo di 275mila dollari.

Oggi l'impianto gode di un tabellone dalle proporzioni gigantesche (25x41 metri), Godzillatron. Quando fu installato nel 2014, era lo schermo HD più grande al mondo, ma venne superato poi da uno schermo analogo, ma più grande, installato a Tokio.

Godzillatron è stato anche oggetto di polemiche da parte di molti tifosi, che ne lamentano la rumorosità e la presenza eccessiva di pubblicità su gran parte della superficie: proprio per quest'ultimo motivo gli hanno affibbiato il soprannome di ADzillatron (da ad-vertising, pubblicità).

8. Bryant-Denny Stadium, Alabama - 101.821 posti

All'ottavo posto nella classifica degli stadi più grandi del mondo troviamo il Bryant-Denny Stadium. La capacità ufficiale dell'impianto è di 101.821 posti. Quando fu inaugurato, nel 1929, venne intitolato alla memoria di George H. Denny, per vent'anni presi dell'Università dell'Alabama a Tuscaloosa, dal 1912 al 1932. Più di quarant'anni dopo, nel 1975, si decise di dare il giusto riconoscimento anche a Paul "Bear" Bryant, storico coach degli Alabama Crimson Tide: tra il 1958 e il 1982 guidò la squadra con un record i 72-2 e una percentuale di 0.973.

7. Tiger Stadium, Louisiana - 102.321 posti

Uno degli impianti migliori per godersi una partita di football, e uno dei campi più difficili per le squadre avversarie: è il Tiger Stadium di Baton Rouge, in Lousiana. Dal 2014 la sua capienza ufficiale è di 102.321 posti, e qui i LSU Tigers giocano le loro partite casalinghe. Soprannominato Death Valley, fu inaugurato nel 1924: "Baton Rouge è il posto peggiore al mondo per una squadra ospite: è come essere all'interno di un tamburo". Con queste parole Bear Bryant, storico giocatore e coach di college football, definì una volta il Tiger Stadium.

Due curiosità: è uno dei pochissimi impianti della Division I ad avere le porte a forma di H e non a Y. La seconda? La traversa che era in campo sul lato nord dal 1955 al 1984, ora è fissata in cima alla porta che divide gli spogliatoi dall'esterno: sulla sua superficie è stata dipinta la parola 'WIN', ed è tradizione che tutti i giocatori la tocchino con una mano prima di fare il loro ingresso sul terreno di gioco.

6. Neyland Stadium, Tennessee - 102.455 posti

Al sesto posto tra gli stadi più grandi del mondo c'è il Neyland Stadium di Knoxville, in Tennessee. Ospita principalmente partite di college football, e dal 2010 la capienza dell'impianto è stata ridotta a 102.455 posti. Risale al 2004 il record assoluto di presenze: 109.061 persone assisterono alla partita tra i Tennessee Voulenteers, padroni di casa, e Florida.

Tra gli eventi extra sportivi che sono rimasti nella storia del Neyland Stadium, non si può non citare la Crociata di Billy Graham del maggio 1970: all'evento prese parte anche il presidente Nixon e vide la protesta di migliaia di appartenenti al movimento pacifista, che cercarono di bloccare la manifestazione.

Nel novembre 2017 sono stati annunciati ulteriori lavori di ristrutturazione e ammodernamento per un totale di 340 milioni di dollari. Il progetto si sviupperà in due fasi e si concluderà nel 2021: dovrebbe essere garantita una capacità dell'impianto superiore ai 100.000 posti.

5. Kyle Field, Texas - 102.733 posti

Il Kyle Field fa da teatro alle partite casalinghe degli Aggies: è conosciuto anche come la 'Casa del 12° uomo', e ha una capacità massima di 102.733 posti. Negli anni Novanta il Kyle Field si è guadagnato la fama di uno degli stadi che più di tutti riusciva a incutere soggezione agli avversari nell'intero panorama del college football: la percentuale di vittorie della squadra di casa in quel periodo era del 93,2%.

L'impianto in passato ha ospitato anche un piccolo cimitero, con i resti dei cani che negli anni si sono succeduti come mascotte della squadra, che da sempre (1931) prendono il nome di Reveille. Al momento, in carica c'è Reveille IX. Una curiosità: tutti i prescelti per questo prestigioso ruolo devono essere esemplari femmine di Rough Collie.

4. Ohio Stadium, Ohio - 104.944 posti

L'Ohio stadium è conosciuto anche come The Horseshoe, il Ferro di cavallo: inaugurato nel lontano 1922, può contenere quasi 105mila persone. Prima del 2014 non aveva un impianto di illuminazione permanente così, prima di quella data, furono pochissime le partite giocate in notturna, appena 12. L'impianto ospita le partite casalinghe degli Ohio State Buckeyes, ma dal 1996 al 1998 è stato teatro anche di alcune partite di MLS, la lega americana di calcio.

L'esperienza pallonara però è durata poco: tra i motivi del trasloco, oltre alla già citata mancanza di un impianto di illuminazione, anche le ridotte dimensioni del terreno di gioco, all'epoca le più piccole di tutto il campionato. Nella sua lunga storia, all'Ohio Stadium si sono esibite alcune tra le band più famose della storia della musica: i Pink Floyd (nel 1988 e nel 1994), i Genesis, gli U2, i Metallica e i Rolling Stones (la prima volta nel 1997, la seconda 18 anni dopo, nel 2015).

3. Beaver Stadium, Pennsylvania - 106.572 posti

Il Beaver Stadium è il terzo stadio più grande al mondo, con una capacità ufficiale di 106.752 posti a sedere. Nonostante questo, il 21 ottobre 2017 si è registrato il record di presenze di tutti i i tempi nella partita tra Penn State e Michigan: quel giorno c'erano 110.823 persone. Una curiosità: è il primo impianto al mondo ad essere stato immortalato nel suo interno da Google Street View, nel 2010.

Ma le note di colore non finiscono qui: particolarmente diffuso al Beaver Stadium è il tailgating, ovvero mangiare e sbevacchiare nei pressi dell'impianto prima dell'inizio di una manifestazione sportiva, magari allestendo anche degli abbondanti barbecue.

2. Michigan Stadium, Michigan - 107.601 posti

Il Michigan Stadium ospita le partite di football americano dell'Università del Michigan, che ha sede a Ann Arbor. La storia dell'impianto  ha inizio nel 1927, ed è fatta di continui ammodernamenti e ampliamenti, fino a raggiungere il record di presenze il 7 settembre 2013: alla partita Michigan-Notre Dame assisterono 115.109 persone.

Lo stadio è soprannominato The Big House, e all'esterno non dà l'impressione di poter contenere così tante persone perché gran parte delle gradinate sono costruite sotto il livello del terreno. Fino al 1968 l'ingresso era interdetto alle donne e ai bambini: "No women ora children are allowed on the field".

Dal 2017 il Michigan Stadium attua un programma di massiccia riduzione dei rifiuti: tutto quello che è venduto all'interno dell'impianto può essere riciclato o compostato.

1. Rungrado May Day Stadium, Corea del Nord - 114.000 posti

Ufficialmente è lo stadio più grande del mondo. Si trova a Pyongyang, capitale della Corea del Nord: quando è stato inaugurato nel 1989, la sua capacità era addirittura di 150.000 posti. In seguito l'impianto è stato ristrutturato, e ora ci sono solo posti a sedere. Secondo i calcoli ora può ospitare fino a 114.000 persone.

Il Rungrado May Day Stadium ospita le partite della Nazionale, oltre alle parate militari che tanto piacciono a Kim Jong-un: la più famosa prende il nome di Festival di Arirang, e può contare la partecipazione attiva nelle coreografie anche di 30mila studenti.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.