Coppa Italia, dal Barcellona al Pordenone: Sainz-Maza sfida l'Inter

L'ex canterano ha conquistato gli ottavi di finale di Coppa Italia ed è pronto a sfidare i nerazzurri: nelle giovanili lo definivano "un artista".

1k condivisioni 27 commenti

di

Share

Un'impresa storica, quella del Pordenone di Colucci, cha ha sconfitto il Cagliari in Sardegna regalandosi gli ottavi di finale di Coppa Italia a San Siro, contro l'Inter. Una delle belle favole che ci regala la coppa nostrana, più di una volta snobbata dalle squadre di Serie A. E tutto questo rende possibili storie come quella dei Ramarri, che dalla Serie C passano direttamente a San Siro. Ma c'è chi ha fatto un salto ancora più lungo, precisamente da Barcellona a Pordenone.

C'è una storia nella storia, infatti: tra le fila della squadra friulana milita un giocatore che, anni fa, veniva tirato per la maglia dal Barcellona. I blaugrana volevano convincerlo ad aggregarsi alla squadra B, alla fine ci sono riusciti: Miguel Angel Sainz-Maza, nel 2011, lascia il Racing di Santander e firma con il Barça. A quell'epoca ha 18 anni (è un classe '93) e tanti bei sogni in tasca. Non che ora non ne abbia, intendiamoci: il Pordenone ha grandi ambizioni, il Presidente dice di voler riportare la squadra in Serie A e negli ultimi due anni la squadra ha raggiunto le semifinali play-off.

Sainz-Maza, in quel Barcellona B, era insieme a Deulofeu e Alcantara, che oggi giocano nei massimi campionati europei, si sfidano in Champions League, strappano maglie da titolari con due delle squadre più forti del pianeta. Il Pordenone non sarà tra queste, ma l'impresa di ieri in Coppa Italia è qualcosa di grande: fuori casa, con la bilancia del pronostico che pendeva nettamente dalla parte del Cagliari. Per i Ramarri, però, a mettere peso sul piatto hanno pensato Bassoli e... Sainz-Maza.

Coppa Italia, gran gol di Sainz-Maza: ne faceva di belli anche al Barcellona...

Uno stop al limite dell'area, da posizione defilata. Sainz-Maza sa che la porta è lì, la visualizza senza guardarla e al minuto 7 di Cagliari-Pordenone fa partire un missile che si infila sotto la traversa della porta difesa da Crosta. Tutti ad abbracciare il numero 11, che non è nuovo a gol del genere. Centrocampista offensivo dotato di buona tecnica e gran tiro, Miguel Angel si è messo in mostra per la sua abilità anche ai tempi del Barcellona B.

Il canale ufficiale del club, nel 2011, gli ha anche dedicato un video dal titolo eloquente: "Miguel Angel Sainz-Maza, l'esperto di gol su punizione". E infatti le immagini mostrano un ragazzo piazzare il pallone dove vuole, direttamente da fermo. "Se tirare le punizioni fosse un arte, lui sarebbe un artista", dice la voce narrante mentre scorrono i fotogrammi. 

Dalla Reggina al Foggia: pellegrinaggio italiano

Sainz-Maza nel Barcellona B non trova spazio, lo cerca nel 2013 al Real Betis B ma niente da fare: vuole cambiare aria, finisce per cambiare Nazione. E così arriva in Italia, la Reggina crede in lui. Lo spagnolo però fa fatica ad inserirsi, e solo un anno dopo decide che è arrivato il momento di trasferirsi di nuovo. Miguel Angel sposa la causa del Foggia e ci resta per 3 anni, fino alla promozione in B di questa estate.

Il club pugliese crede in lui, ma non lo ritiene ancora pronto per il campionato cadetto. Sainz-Maza va in prestito al Pordenone, ma da Foggia dicono: "Non affezionatevi troppo, tornerà qui". Nel frattempo lo spagnolo e la sua squadra affronteranno l'Inter a San Siro, senza porsi limiti. E forse un giorno, chissà, Miguel Angel riuscirà di nuovo a incontrare Lionel Messi, magari calciando punizioni insieme a lui. Sarebbe bello vedere due artisti all'opera. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.