UFC, Shanghai: Kelvin Gastelum manda ko Michael Bisping!

Kelvin Gastelum entra prepotentemente nello scenario titolato mandando KO Michael Bisping a Shanghai. L'americano adesso ha lanciato la sfida a Whittaker.

UFC, il KO di Gastelum ai danni di Bisping

238 condivisioni 0 commenti

di

Share

Si è appena concluso l'evento UFC Fight Night 122 che ha avuto luogo alla Mercedes-Benz Arena di Shanghhai, Cina. La main card dell'evento, che ha segnato la prima volta di UFC in Cina, ha regalato quattro bei match, tre dei quali sono finiti prima del limite. Aprono la main card con un match nella categoria dei pesi welter Muslim "King of Kung Fu" Salikhov (13-2) e Alex "The Dominican Nightmare" Garcia (15-4).

Garcia ha rovinato il debutto in UFC di un fighter promettente e che sembrava dover portare nuova linfa alla categoria dei welter. La fisicità e l'ottimo adattamento in fase di grappling, oltre alla maggior forza fisica di Garcia, hanno fatto guadagnare la vittoria al canadese che ha dominato il samboka russo sia nello stand-up che nella fase di clinch, per arrivare poi alla finalizzazione.

Festa rimandata dunque per Salikhov, che nonostante sia riuscito a contenere inizialmente il suo avversario ha dovuto cedere il passo a Garcia a seguito di un'ottima rear-naked choke nel secondo round. Il braccio di Garcia però non sembrava essere sotto il mento di Salikhov, la pressione potrebbe essere stata sulla mandibola e quindi aver generato una sorta di neck crank.

UFC, Garcia festeggia a UFC 207
Alex Garcia festeggia la vittoria su Mike Pyle a UFC 207

UFC Shanghai, Gastelum rientra nel contesto titolato

Il secondo match della main card, avvenuto nella categoria dei pesi piuma, ha visto una vittoria per decisione non unanime in favore del cinese Guan "The Dongbei Tiger" Wang (17-1-1) su Alex "Bruce Leeroy" Caceres (13-11). La decisione non unanime è quantomeno discutibile visto che Wang ha messo a segno colpi pesanti che hanno fatto barcollare il suo avversario in maniera piuttosto netta più e più volte nel corso delle riprese. Il dominio di Wang è stato chiaro e palese almeno in due round, primo e secondo.

Il footwork di Caceres non lo ha aiutato a superare una tempesta che sarebbe potuta finire anche con un knockout da parte del cinese. Wang è andato a segno sia col destro che col sinistro sulla mandibola di Caceres, il quale ha cercato risposte facendo fede sul suo footwork e sui suoi headkick, tutti perfettamente contenuti dal cinese che ha dato sfoggio di ottima abilità nel suo esordio in UFC. Caceres quindi ha trovato successo nella terza ripresa, quando ha cercato di contenere gli assalti di Wang, che si stava facendo pericoloso. Mani pesanti e mento roccioso, Guan Wang è uno dei nomi da tenere d'occhio durante il prossimo anno.

UFC, Wang ai colpitori
Guan Wang ai colpitori durante i workout pre-evento

Il co-main event della serata, avvenuto nella categoria dei pesi welter, ci ha regalato una prestazione splendida da parte di Li "The Leech" Jingliang (14-4), che ha ottenuto un TKO grazie a un furioso ground and pound ai danni di Zak "The Barbarian" Ottow (15-5). La capacità di intercettare i calci dell'americano e le conseguenti risposte di jab e diretto da parte del cinese sono state le chiavi per la vittoria. Dopo il check, Jingliang è arrivato a bersaglio più volte con colpi molto puliti su Ottow. All'ennesimo leg kick bloccato, il cinese ha risposto con un diretto alla fronte che ha steso l'americano. Dopo un ottimo ground and pound di potenza e precisione invidiabili, Herb Dean ha fermato l'incontro. Con 4 vittorie nelle ultime 5 apparizioni, la sanguisuga cinese si propone per un assalto alla top 15.

UFC, Jingliang Li affonda l'attacco
Jingliang Li colpisce con un diretto destro Zak Ottow

Il main event, avvenuto nella categoria dei pesi medi, ha visto un Michael "The Count" Bisping (30-9) in condizione incerta - subentrato ad Anderson Silva a causa della squalifica USADA rimediata da quest'ultimo - chiudere in malo modo un annus horribilis fatto di infortuni e di due match, entrambi persi. Dopo il match perso contro GSP, a infliggergli la seconda sconfitta è il fenomeno americano d'origini messicane e vincitore del TUF 17 Kelvin Gastelum (14-3), che ha fatto capitolare l'inglese tramite un KO di rara bellezza. Bisping ha provato a tenere la distanza, servendosi anche di un buon calcio obliquo sferrato a inizio round, ma Gastelum ha trovato da subito le misure, costringendo l'ex campione UFC ad arretrare.

La guardia southpaw di Gastelum, il suo stile imprevedibile e arrembante, le sue mani pesanti, hanno regalato all'americano quella che probabilmente è la vittoria più importante della sua carriera. A due minuti e mezzo dall'inizio del primo round, Bisping tenta di affondare un gancio esterno, ma con un eccellente movimento di busto Gastelum lo manda a vuoto, rientrando con un gancio destro che gli consente di prendere le misure alla mandibola dell'avversario e un gancio sinistro che ha visto il Conte stramazzare al suolo sulle proprie gambe. Una prestazione scintillante per il giovane Gastelum, che entra con prepotenza nello scenario titolato e si propone per affrontare il campione ad interim Robert Whittaker. Chiusura terribile per Bisping che, rassegnatosi al ritiro, pensa adesso all'ultimo match in carriera che con tutta probabilità avverrà nella sua Inghilterra.

UFC, Gastelum e il suo urlo dopo la vittoria
Kelvin Gastelum e il suo urlo a seguito del KO su Michael Bisping

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.