Mondiali, il ct dell'Australia si dimette dopo la qualificazione

Ange Postecoglou ha annunciato il suo addio ai Socceroos dopo quattro anni e il pass conquistato per Russia 2018: "Non ho più energie".

228 condivisioni 2 commenti

di

Share

Un caso più unico che raro. Ange Postecoglou ha rassegnato le dimissioni dalla guida tecnica dell'Australia a pochi giorni dalla qualificazione dei Socceroos ai Mondiali 2018: una decisione che ha del clamoroso, annunciata in conferenza stampa a una settimana di distanza dalla vittoria nello spareggio playoff contro Honduras che aveva portato Jedinak e compagni alla rassegna mondiale per la quarta edizione consecutiva.

Lo 0-0 in trasferta e il 3-1 in casa avevano garantito all'Australia l'accesso alla kermesse iridata: nel quadriennio da ct, Postecoglou aveva festeggiato la vittoria della Coppa d'Asia nel 2015 e aveva già centrato la qualificazione ai Mondiali del 2014 in Brasile. A pochi giorni dalla festa per la vittoria sull'Honduras, playoff inter-zona guadagnato dopo aver superato la Siria nello spareggio, ecco l'annuncio.

Dopo una lunga riflessione ho deciso di concludere la mia avventura alla guida della Nazionale. È stato un privilegio allenare la nazionale del mio Paese. Ma tutto questo ha richiesto da parte mia un enorme dispendio di energie a livello personale e professionale. 

Troppo stress per pensare di continuare, nonostante la possibilità di guidare l'Australia ai prossimi Mondiali. La scelta di Postecoglou suona come un atto di coraggio, motivato in poche ma significative righe sul sito della federazione e  commentato da centinaia di tifosi su Twitter, dove è stato diffuso un video nel quale l'ex commissario tecnico ringrazia la sua famiglia.

Ho investito in questo incarico tutto quello che potevo, sapendo quanto fosse importante questo periodo per il calcio australiano. E sono grato ai miei cari che me lo hanno permesso. 

Mondiali, Australia choc: il ct qualificato si dimette

Le dimissioni di Postecoglou sono state accolte come un fulmine a ciel sereno dai tifosi dell’Australia: su Twitter i messaggi di ringraziamento e gli omaggi si seguono di minuto in minuto, mentre il veterano della Nazionale Tim Cahill ha scelto Instagram per salutare la guida di tante avventure, non ultima la qualificazione ai Mondiali 2018.

Want to say a massive thank you to Ange Postecoglou. The last four years have been amazing and he has helped create memories that will last forever for our country. From the World Cup in Brazil, winning the Asian Cup and now to the biggest prize of qualifying for a fourth consecutive World Cup. His leadership and beliefs are infectious and I’m proud that I had the chance to share his journey with him and witness his love for our country. The most important part was the belief he instilled in us to play a style of football that could test any team we came up against. This for me sets Ange apart as someone that stayed strong to his values of changing the game in Australia. His saying that will stay with me forever is NEVER TAKE A BACKWARDS STEP. Want to wish Ange and his family all the very best in the future.

A post shared by Tim Cahill (@tim_cahill) on

Chi guiderà ora l'Australia ai prossimi Mondiali, in programma tra circa sette mesi? Sembra presto per dirlo. In un momento storico nel quale le dimissioni sono sempre meno usuali nell'ambiente del calcio, come i recenti eventi riguardanti la panchina della Nazionale italiana hanno dimostrato, il gesto di Ange Postecoglou è in controtendenza. Il potere, evidentemente, logora anche chi ce l'ha.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.