Serie A, Benevento da incubo: superato il record del Manchester United

Il precedente primato negativo era stato stabilito dai Red Devils nel 1930/31: i sanniti stabiliscono un nuovo record perdendo la 13esima partita di fila.

1k condivisioni 18 commenti

di

Share

E alla fine arrivò Federico Peluso. Al minuto 94 di Benevento-Sassuolo, una zuccata di uno dei più esperti tra i 21 in campo (complice l’espulsione di Letizia) ha deciso la sfida del “Vigorito” in favore degli ospiti: 1-2, punteggio completato dalle reti di Matri e Armenteros, e sanniti ancora a quota 0 dopo 13 turni di campionato. Mai nessuno era partito così male: lo dicono i numeri.

Quello del Benevento, infatti, è il peggior avvio nella storia del calcio europeo. Un record tagliato ieri al fischio finale della sfida dell’Oreste Vigorito, quando il pubblico di casa ha salutato i suoi calciatori con sonori fischi: la striscia di sconfitte stagionali sale a quota 14 se ai 13 ko maturati in Serie A si va a sommare la sconfitta interna per 4-0 rimediata per mano del Perugia in agosto nel terzo turno di Coppa Italia.

Già al nono turno, con la sconfitta interna per mano della Fiorentina (0-3), il Benevento aveva staccato il Vicenza edizione 1949/1950 tra i "primatisti" di sconfitte in avvio di campionato, toccando quota 9. Due giornate dopo, superata al "Vigorito" dalla Lazio, la formazione allenata da Roberto De Zerbi - subentrato in corsa a Marco Baroni - aveva agganciato nella graduatoria dei cinque principali tornei europei del dopoguerra il Grenoble, che nella Ligue 1 2009/2010 aveva atteso la dodicesima giornata prima di trovare il suo primo punto stagionale grazie a uno 0-0 contro il Monaco. Destino che non è toccato ai giallorossi, sconfitti il 5 novembre all'Allianz Stadium dalla Juventus e infine ieri dal Sassuolo.

Serie A, il record negativo del Benevento: nessuno ha fatto peggio in Europa

Gli errori di Brignoli, Letizia e Costa, peggiori in campo nel Benevento anti-Sassuolo, sono costati la 13esima sconfitta di fila dei sanniti, un record assoluto nei cinque principali campionati europei che pesa e non poco su gambe, mente e soprattutto classifica. I punti di ritardo dal diciassettesimo posto, coincidente con la salvezza e oggi occupato dalla SPAL, sono già 10. Peggior attacco (6 reti realizzate) e difesa più battuta (33 centri al passivo) oggi sono di casa al "Vigorito". 

La sconfitta dell'ultimo weekend di Serie A ha portato in dote il primato assoluto, che comprende anche i campionati disputati prima della Seconda Guerra mondiale, fino a ieri detenuto dal Manchester United edizione 1930/31: in quell'annata i Red Devils non erano riusciti a ottenere alcun punto nelle prime 12 giornate di campionato. La striscia negativa a torneo in corso, però, resta del Sunderland edizione 2002/2003, sconfitto per 15 incontri di fila in Premier League tra gennaio e maggio.

Per comprendere quanto siano pesanti i numeri che oggi condannano il Benevento sul fondo della classifica di Serie A è sufficiente un confronto con gli altri principali campionati europei: il fanalino di coda che più si avvicina per numeri a Ciciretti e compagni è il Colonia in Bundesliga, a quota 2 punti dopo 12 giornate. In Premier League c'è il Crystal Palace a quota 5, nella Liga il Las Palmas chiude la graduatoria con 6 punti, mentre in Ligue 1 il Metz, ventesimo, è a 4. La festa per la storica promozione di maggio appare solo uno sbiadito ricordo: a Benevento oggi la salvezza sa di missione impossibile. I precedenti non sono confortanti: lo stesso Grenoble edizione 2009/2010 chiuse in ultima posizione a quota 23 punti. Per smentire le statistiche servirà un'impresa da "Stregoni".

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.