Juventus, Buffon: "A fine anno smetto, ma voglio la Champions League"

Il portiere, intervistato con Iniesta a due giorni da Juventus-Barcellona, conferma il ritiro nel giugno 2018 ma fissa un obiettivo: alzare la Coppa con le orecchie.

1k condivisioni 77 commenti

di

Share

Il ritorno in Serie A dopo la mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali di Russia 2018, in una serata archiviata con lacrime e addio alla Nazionale, per Gianluigi Buffon ha coinciso con la panchina del Luigi Ferraris nel ko per 3-2 incassato dalla Juventus a Genova contro la Sampdoria. Il numero 1 bianconero è pronto a riprendere il possesso dei pali mercoledì sera, quando all'Allianz Stadium arriverà il Barcellona nel quinto turno della fase a gironi di Champions League.

A due giorni dalla sfida ai blaugrana, Buffon è stato protagonista con Andrés Iniesta, simbolo del Barcellona, di una curiosa intervista doppia pubblicata sul sito ufficiale della Juventus, nel corso della quale il portiere classe 1978 ha ribadito un concetto già anticipato in precedenti uscite davanti a microfoni e telecamere:

Tutto nella vita ha un inizio e una fine. Probabilmente smetterò a giugno 2018. Sono sereno, non ho paura di cosa accadrà dopo: sono curioso della vita e non ho paura di smettere.

A quota 635 presenze complessive dal 2001 ad oggi, Buffon è dallo scorso 20 marzo il calciatore con più minutaggio in Serie A nella storia della Juventus. Ora nel suo mirino c'è un altro primato, quello delle presenze complessive in Serie A: in campionato, con 627 tra Parma e Juventus, è a -20 dal primatista Paolo Maldini. Entro la fine della stagione 2017/2018, con 25 partite ancora a disposizione, il numero 1 bianconero potrebbe tagliare il traguardo. Per Gigi non è ancora tempo di ipotizzare un futuro alla scrivania:

Allenatore? Ad ora non mi vedo in panchina. Dirigente? Sarebbe un ruolo al quale vorrei arrivare preparato. Non mi piace fare cattive figure.

Juventus, Buffon conferma il ritiro: "Prima la Champions League"

Il presente, amaro per Buffon così come per i componenti della Nazionale azzurra che non è stata in grado di superare la Svezia nel doppio spareggio playoff giocato tra Stoccolma e Milano, lascia spazio nelle parole di Gigi ai ricordi:

Questi ultimi anni sono bellissimi, me li sto godendo con molta più coscienza. Ma anche l’arrivo alla Juventus dal Parma e la vittoria del Mondiale 2006 sono stati momenti fantastici.

Spesso individuato come modello dai colleghi meno esperti, Buffon ha raccontato anche dei suoi idoli in gioventù: tra questi, trovano spazio tanti portieri ammirati in Serie A. Attestazione della bontà della scuola italiana nel ruolo:

Mi sono ispirato a campioni come Zenga, Tacconi, Peruzzi, Toldo, Pagliuca e Marchegiani, anche se la passione per il ruolo è cresciuta ammirando N’Kono durante i Mondiali del 1990 in Italia.

Gianluigi Buffon in panchina a Genova in Sampdoria-Juventus 3-2: non si vede da allenatore in futuro
Gianluigi Buffon in panchina in Sampdoria-Juventus 3-2: non si vede da allenatore in futuro

Per Buffon, però, non è ancora tempo di riporre i sogni nel cassetto. A una bacheca nella quale trovano posto una Coppa del Mondo, 8 campionati di Serie A – di cui uno non assegnato e uno revocato – uno di Serie B, 6 Supercoppe italiane, 4 Coppe Italia e una Coppa UEFA, oltre a tante piazze d'onore con le maglie di Juventus e Italia e una sfilza di primati personali, il portiere che a gennaio festeggerà 40 anni vuole aggiungere la Champions League:

La Champions League la vince la squadra che si troverà a marzo nella condizione fisica e mentale migliore. Mi auguro che possa essere la Juventus.

Sfumata la chance di vivere il sesto Mondiale e isolarsi in vetta all'elenco dei primatisti per numero di partecipazioni alla competizione iridata, Buffon ha ancora un chiodo fisso. I prossimi sei mesi diranno se potrà sollevare la Coppa con le orecchie con la fascia di capitano della Juventus, occasione già sfumata nelle finali di Manchester, Berlino e Cardiff. A partire dalla sfida di mercoledì al Barcellona, importante per il passaggio del turno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.