UFC Fight Night Sidney: partite a scacchi tra campioni

Nottata bizzarra in quel di Sidney: sei match su sei sono terminati ai punti, di cui tre per split. Successi per Matthews, Theodorou e Werdum.

Fabricio Werdum colpisce Marcin Tybura Photo Credits: UFC Espanol official Twitter

30 condivisioni 0 commenti

di

Share

Emozioni meno forti del solito in quel di Sidney. In una main card UFC ricca di tattica e in cui vi è stato poco spazio per l'estro vince la pazienza, con sei incontri tutti terminati ai punti. Si è partiti con la categoria pesi piuma, con Alexander Volkanovski che ha battuto Shane Young per decisione unanime. Non c'è molto da dire sul match, con il padrone di casa che si è ritrovato ad affrontare un terzo rimpiazzo che ha sostituito Humberto Bandenay, che aveva a sua volta preso il posto di Jeremy Kennedy. Prima delusione per il pubblico locale che è arrivata con la sconfitta di Dan Kelly, caduto contro Elias Theodorou per decisione unanime. "The Spartan" risorge dopo la sconfitta con Brad Tavares, sbarazzandosi di un atleta comunque sul viale del tramonto.

Successivamente si apre il tris di split decision, con Jake Matthews che esordisce con un successo nei pesi welter UFC contro Bojan Velickovic. Ritorno vittorioso nelle 170 libbre per l'australiano, che convince ma non del tutto imponendosi di misura sull'ex avversario di Alessio Di Chirico. Seguirà un'altra contesa valida per la categoria pesi welter, con Belal Muhammad che si imporrà su Tim Means mediante una decisione non unanime che lascia qualche perplessità soprattutto negli occhi dello sconfitto.

Co-main event di serata che ha visto uscire nuovamente sconfitta la paladina di casa Bec Rawlings - e voi direte: "Dove sta la novità?" -. Ad imporsi su "Rowdy", ora 7-7 nelle MMA, è la sconosciuta connazionale Jessica Rose-Clark. Reduce da una discussa vittoria per SD in Titan FC, quest'ultima è stata piazzata nella card di Sidney in short notice, a seguito dell'infortunio di Jo Jo Calderwood. Match che dà poco alle varie divisioni di peso femminili UFC, essendo sostanzialmente un catchweight a 128 libbre. Difficile invece non spendere parole d'elogio per Fabricio Werdum, che a 40 anni domina per cinque round il polacco Marcin Tybura, di 8 anni più giovane. L'evoluzione mostrata da "Vai Cavalo" negli ultimi anni non fa che aumentare i rimpianti di alcuni suoi fans: l'ex campione pesi massimi è maturato forse troppo tardi, lasciandosi dietro gli anni in cui era un mero grappler con uno striking scolastico. Possibile title eliminator all'orizzonte per il brasiliano? Difficile a dirsi, anche se è chiaro che un Werdum così è assai difficile da ignorare.

Il prossimo appuntamento con UFC

Giusto sei giorni ci separano dalla card cinese che troverà luogo a Shangai, con Michael Bisping che tornerà a neanche un mese dalla sconfitta contro Georges St-Pierre - che gli è costata il titolo pesi medi UFC -. Opposto a "The Count" vi sarà Kelvin Gastelum, compagno d'allenamento di Marvin Vettori reduce dalla sconfitta contro Chris Weidman. Lo stop USADA commutato ad Anderson "The Spider" Silva offrirà all'inglese l'ennesima possibilità di redenzione, di fronte ad una delle nuove leve più interessanti di tutto il roster. E voi siete pronti a godervi una nuova Fight Night? Perché, in quel caso, non vi resta che sintonizzarvi anche nel prossimo weekend su FOX Sports, canale 204 di Sky!

Vota anche tu!

Michael Bisping riuscirà a tornare alla vittoria nel prossimo weekend?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.