Premier League, Pogba spiega l'esultanza: "Basta schiavitù in Libia"

Il francese va in rete al rientro dopo due mesi di stop e stupisce tutti con la sua esultanza: è una protesta contro la tratta di essere umani in Libia.

Premier League, Pogba spiega la sua esultanza contro la schiavitù in Libia

1k condivisioni 3 commenti 5 stelle

di

Share

La gara di Premier League tra Manchester United e Newcastle ha regalato solo buone notizie al tecnico dei Red Devils José Mourinho: non solo il ritorno al successo dopo la sconfitta col Chelsea e la conquista della seconda piazza solitaria in classifica, ma anche la conferma del pieno recupero di due pilastri del suo scacchiere tattico: Ibrahimovic, fuori da più di 7 mesi per la rottura del legamento crociato, e Paul Pogba

Lo svedese, all'esordio stagionale, ha preso il posto di Martial al 77’. Il francese ha invece giocato titolare e ha riabbracciato il pubblico dell’Old Trafford con l’assist per il momentaneo pareggio dello stesso Martial e la rete del terzo gol su sponda di Rashford nel 4-1 rifilato al Newcastle. Un rientro in campo da sogno per il numero 6 di Mourinho, che dopo due mesi di calvario è riuscito a superare la profonda lesione al bicipite femorale rimediata nel corso della sfida di Champions League con il Basilea del lontano 12 settembre. Una gioia che ha deciso di dedicare a chi in questo momento sta soffrendo.

La rete di Pogba

Pogba è tornato a brillare alla sua maniera, stupendo tutti per la sensibilità e la lucidità dimostrata in un momento di grande gratificazione a livello professionale. Ora si riaccendono su di lui i riflettori della Premier League. Dopo aver realizzato la rete che di fatto ha messo a terra gli uomini di Bentitez, l’ex Juventus si è reso protagonista di un’esultanza “emozionale” che in poche ore ha fatto il giro del mondo. Nel delirio dei suoi tifosi ha trovato il momento per ricordare chi vive nella sofferenza quotidiana. Pensandoci bene, chi avrebbe potuto farlo se non un "influencer" delle esultanze come lui? D'altronde la sua dab dance è ormai conosciuta in tutto il mondo, ha scatenato l'ilarità di degli amanti del calcio, senza limiti di età. Questa volta, però, Pogba ha messo le sue capacità e la sua tecnica al servizio di una giusta causa.

Premier League, Pogba spiega la sua esultanza

Pogba sorprende. Anzi no, altrimenti non sarebbe Pogba. È tornato alla grande, non solo segnando la terza rete e firmando il terzo assist nelle 5 presenze in Premier League fino ad ora collezionate, ma dedicando il suo personale traguardo sportivo a tutti coloro che hanno sofferto e soffrono il Libia. Il centrocampista francese ha scosso l’animo dei suoi fan dando risalto all’inchiesta della Cnn di pochi giorni fa che ha portato alla luce nuovi orrori sul traffico di esseri umani. Un video choc che svela i retroscena di una vera e propria tratta di uomini venduti all’asta come schiavi.

Dopo aver segnato ha incrociato le braccia, unendo i polsi. La spiegazione di questo forte gesto è arrivata dai suoi profili social:

Pur essendo molto felice di essere tornato, prego per la schiavitù sofferente in Libia. Possa Allah essere al loro fianco. Spero che questa crudeltà possa finire!

I problemi muscolari sono ormai alle spalle, il talento della Nazionale francese è pronto a spiccare il volo insieme al suo Manchester United:

Grazie a tutti quelli che erano lì per me durante la mia guarigione, grazie a tutti i fan. Questo è per voi!

Paul Pogba, cuore e piedi d’oro al servizio di Mourinho. Il tecnico ha parlato delle sue condizioni in vista della gara di Champions League in programma con il Basilea, il centrocampista dello United potrebbe rimanere a riposo:

È un giocatore che dobbiamo gestire e proteggere da eventuali ricadute. Vediamo, nei prossimi giorni prendermi la decisione migliore la per mercoledì.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.