Liga, Idan Ofer: l'uomo che vuole il 15% dell'Atletico Madrid

Idan Ofer vuole acquistare il 15% dell'Atletico: ma chi è l'imprenditore israeliano? Ecco il suo ritratto, tra la sua 'fuga' a Londra, i Van Gogh e il Pallone d'Oro di Cristiano Ronaldo.

Il ritratto di Idan Ofer

401 condivisioni 0 commenti

di

Share

Idan Ofer avrebbe trovato l'accordo con i dirigenti dell'Atletico Madrid per entrare nel club. Idan Ofer è su Reuters, su Forbes, su Bloomberg. Idan Ofer ha 1,5 miliardi di dollari come patrimonio stimato.

Ma chi è Idan Ofer? Avrebbe deciso di comprare il 15% dell'Atletico Madrid, lui che vive in un'altra capitale, Londra, lui, il figlio del defunto Sammy Ofer, una volta l'uomo più ricco di Israele. 

Idan Ofer avrebbe scelto di entrare tra gli azionisti dell'Atletico Madrid, proprio lui che ha acquistato il Pallone d'Oro messo all'asta per beneficenza da Cristiano Ronaldo. Per la cifra "irrisoria" di 600mila euro. Ah, il suo nome è uscito anche sui "Paradise Paper". Ma chi è Idan Ofer?

#LaLigaExperienceFOX

Identikit di Idan Ofer: l'uomo che vuole il 15% dell'Atletico Madrid

Il miliardario di 62 anni ha scelto l'Atletico: finalizzerà l'acquisto al termine di questa settimana. Il sito web Ynet indica intorno al 15% la quota del club che interessa ad Idan Ofer. Primo punto all'ordine del giorno: il club dei "colchoneros" ha come sponsor principale Plus500, un'impresa israeliana che porta nelle classe del club qualcosa come 10 milioni di euro (e finora ha elargito 42,5 milioni di euro). Nell'azionariato del club già è presente Wanda Group, di proprietà del magnate cinese Wang Jianlin che ha acquisito il 20% del club per 40 milioni di euro. E ora che succede?

In giornata il comitato di direzione dell'Atletico Madrid si è riunito per definire la cessione del 15% dopo aver informato il gruppo Wanda. Per definire l'operazione ci sarà bisogno di un aumento di capitale. Il club, valutato 732 milioni di euro, ha debiti per 483 milioni di euro: l'amministratore delegato Miguel Angel Marin ha il 56,64% dell'Atletico, il presidente Enrique Cerezo ha il 17,9% delle azioni, sono loro a garantire la maggior parte del debito. 

Wang Jianlin, n.1 del Wanda Group, dovrà accogliere il nuovo azionista, Idan Ofer
Wang Jianlin, n.1 del Wanda Group, dovrà accogliere il nuovo azionista, Idan Ofer

Ma chi è Idan Ofer, che sta per entrare nel club? Intanto è il n.1 del gruppo Quantum Pacific Group, che detiene la partecipazione della famiglia Ofer in Israel Corporation, la più grande holding company israeliana. Ah, ovviamente la sua scelta di andare a vivere a Londra ha poco a che fare con la regina: a quanto pare gli aumenti di tasse lo avrebbero convinto a cambiare aria e lasciare la sua Tel Aviv. Gli amici lo difendono: "Ha tantissime ragioni di famiglia per trasferirsi in Gran Bretagna". Tra cui il defunto padre, come vedremo tra poco. 

In Israele Haaretz, il noto giornale, lo ha salutato con un ironico "bye bye Idan", leggermente polemico, alla sua partenza.  A proposito di polemiche: Ofer è stato anche al centro delle elezioni del 2013, additato e accusato da Shelly Yachimovich, leader politico (poi andato all'opposizione), per alimentare il malcontento delle classi medie contro i super-ricchi. Ed è finito anche nel vortice dei "Paradise Papers", 20mila documenti riservati resi poi pubblici, che lo accostano a paradisi fiscali offshore.

Ofer arriva ovunque: energia solare in Nicaragua, immense ristrutturazioni aziendali da 100 milioni di euro, affari con il n.1 di Google, Eric Schmidt. Chi lavora con lui lo ammira: "Molto simile al padre, ha una grande etica del lavoro". Pochissime interviste, quattro mogli, chi conosceva Sammy, il papà di Idan, lo descriveva come un uomo rinascimentale con molti interessi diversi, che ha forgiato i figli mettendoli subito alla prova negli affari: a 20 anni Idan è stato mandato ad Hong Kong per espandere il business di famiglia (iniziato con un nave, dice la leggenda, dopo l'arrivo in Israele dalla Romania nel 1920, poi diventata una flotta immensa). Non proprio un Erasmus. Capirete che dire casa, per Idan, non è proprio semplice. Non solo Londra per sentirsi un pochino a casa: il fratello Eyal avrebbe acquistato l'appartamento più costoso di Israele, un attico su due piani sempre a Tel Aviv (23 milioni di euro), Idan avrebbe invece un appartamento al 15 Central Park West, New York, il super-condominio dei ricchi, tra Denzel Washington, Sting, oligarchi russi e cervelloni vari. Dove la vista è più o meno questa:  

Anche i ricchi piangono di fronte a questo panorama
Anche i ricchi piangono di fronte a questo panorama

Londra lo ha accolto con piacere, come ha fatto con molti super-ricchi, ma al di là delle motivazioni finanziarie il papà di Idan è stato premiato dall'Inghilterra per aver consegnato oltre 20 milioni di sterline al National Maritime Museum di Londra nel 2008, oltre ad aver donato 3,3 milioni di sterline per aiutare a restaurare il Cutty Sark danneggiato da un incendio. Idan lo segue a ruota: 42 milioni di sterline donate alla London Business School. Il padre, prima di morire nel 2011, ha anche donato ai suoi due figli, Idan ed Eyal, la sua nota collezione d'arte: Van Gogh, Picasso. Mister Sammy avrebbe acquistato il famoso ritratto di Vincent Van Gogh,  "L’Arlésienne, Madame Ginoux", per una cifra intorno ai 35 milioni di sterline ad un'asta di Christie’s, tra l'altro pagandolo 5 milioni in meno del suo reale valore. Per poi lasciarlo ai figli.

Non capita a tutti di avere un Van Gogh in eredità, come è successo a Idan Ofer.
Non capita a tutti di avere un Van Gogh in eredità, come è successo a Idan Ofer.

Oltre a suddividere equamente in due la sua immensa fortuna: cargo, partecipazioni bancarie, la più grande industria chimica israeliana, investimenti nelle industrie tech. A cui Idan ha aggiunto il Pallone d'Oro di CR7. A cui Idan vuole aggiungere il 15% dell'Atletico Madrid. Qualcuno potrebbe dire che le giocate di Griezmann sono pennellate geniali d'artista. Una cosa è certa: in qualche modo, a breve, potrebbero far parte della collezione d'arte di Idan Ofer. Alla vostra destra, un Van Gogh. Poco oltre, un gol al Wanda Metropolitano di Griezmann, olio su tela. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.