Fischi all’inno: De Rossi sul pullman svedese per chiedere scusa

Il gran gesto del centrocampista al termine della partita di San Siro che ha sancito l'eliminazione dell'Italia.

De Rossi si scusa con gli svedesi per i fischi durante l’inno

5k condivisioni 47 commenti

di

Share

La clamorosa eliminazione dal Mondiale per mano della Svezia ha chiuso di fatto un ciclo per la nazionale azzurra, portando ai saluti degli ultimi reduci del Mondiale 2006 come Gianluigi Buffon, Andrea Barzagli e Daniele De Rossi. Tutti e tre hanno dato l'addio alla Nazionale subito dopo la delusione svedese, facendosi da parte per lasciare spazio alle nuove leve.

Lo hanno fatto in lacrime e fino all'ultimo con grande signorilità mostrata sia dentro che fuori dal campo. Prima ce lo ha dimostrato Buffon, che durante l'inno nazionale svedese, fischiato vergognosamente dai tifosi italiani presenti a San Siro, si è dissociato immediatamente applaudendolo con vigore, come a tentare di cancellare quei fischi.

Una scena andata in diretta televisiva, così come la reazione di Mikael Lustig, che al termine dello stesso inno ha urlato "battiamo questi fottuti", suscitando a sua volta qualche critica tra i media del suo Paese. La reazione di Buffon non è stata però l'unica di quel tipo da parte degli italiani. Come ci viene rivelato dal portale svedese Expressen, infatti, anche De Rossi si è reso protagonista di un gran gesto e lo ha fatto anche in un momento ancora più complicato, a partita conclusa ed eliminazione maturata.

Italia vs Svezia, le scuse di De Rossi

Lo racconta nello specifico il giornalista Thomas Wilbacher, che riporta la testimonianza dello stesso Mikael Lustig, tra i più arrabbiati per quei fischi:

Il terzino destro della Svezia ci ha raccontato che Daniele De Rossi è salito sul pullman svedese dopo la partita di San Siro. Ha chiesto scusa per i fischi e ha fatto gli auguri a tutti i giocatori. È un grandissimo uomo.

La conferma arriva anche da chi era presente su quel pullman, come l'ex difensore del Genoa Granqvist:

Grande rispetto per lui. Lo abbiamo ringraziato.

Stessa cosa ha fatto anche l'ex difensore del Torino, Pontus Jansson, quasi commosso per il gesto di De Rossi:

È stato uno dei momenti più belli della mia carriera, Daniele si è comportato davvero da gentiluomo e da vero capitano.

Ecco un esempio delle poche cose veramente da salvare di questo ciclo appena concluso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.