Italia, apertura Ancelotti: un ruolo anche per Paolo Maldini?

L'ex tecnico del Bayern Monaco è in pole position per sostituire Ventura sulla panchina della Nazionale, mentre si studia un ruolo anche per la bandiera del Milan.

302 condivisioni 18 commenti 5 stelle

di

Share

Al di là delle dimissioni annunciate e smentite, il futuro di Giampiero Ventura sulla panchina della Nazionale italiana è ormai segnato. Archiviato - troppo tardi forse - l'ambizioso progetto del 4-2-4, è arrivato al capolinea anche il suo mentore. La debacle del Bernabeu, con gli Azzurri letteralmente in balia delle Furie Rosse, aveva rilasciato sinistri scricchiolii, confermati dal pareggio con la Macedonia e dalle mini-vittorie contro Israele e Albania. 

La disastrosa prova di Solna, poi, e l'inutile arrembaggio di San Siro hanno certificato l'eliminazione dai Mondiali 2018 e spedito Ventura nel recinto - per fortuna ristretto - dei ct protagonisti di fallimenti passati alla storia, insieme ad Alfredo Foni, che mancò la qualificazione a Svezia 1958, e a Mondino Fabbri, eternato dalla sconfitta contro la Corea a Inghilterra 1966.

Nei bar, per strada ma anche sui social c'è un solo nome che l'Italia chiede a gran voce per la panchina azzurra ed è quello di Carlo Ancelotti. Conte, Allegri e Mancini seguono a distanza siderale. Carletto, poi, è anche l'unico tecnico di alto profilo attualmente libero, dopo l'esonero subìto a campionato in corso dal Bayern Monaco.

Italia: apertura Ancelotti. Un ruolo anche per Paolo Maldini?

Nelle ultime ore, secondo Sky Sport, ci sarebbe stata un'importante apertura alla panchina dell'Italia da parte di Ancelotti. I dubbi del tecnico di Reggello non riguarderebbero tanto la parte economica - Carlo accetterebbe il ruolo di salvatore della patria pur sapendo che in Premier League potrebbe guadagnare ben altre cifre - quanto gli stessi vertici federali.

Ancelotti e Paolo Maldini
Ancelotti e Paolo Maldini hanno condiviso buona parte delle loro carriere

Il presidente del Coni Malagò ha invocato senza mezzi termini anche le dimissioni di Tavecchio, più in là però non può andare, nel rispetto dell'autonomia dei ruoli. Ma se il disastro contro la Svezia coinvolgesse anche il presidente federale provocando un ricambio di vertice, Ancelotti accetterebbe la panchina senza riserve. E con lui potrebbe ritagliarsi un ruolo anche Paolo Maldini che con Carletto ha condiviso buona parte della carriera.

Milan Connection: apre anche Albertini

Intanto, nei confronti dell'ex tecnico del Bayern Monaco si registra anche l'endorsment di Demetrio Albertini, che di Tavecchio fu rivale nelle elezioni federali del 2014 e di Carlo fu compagno nel Milan e in Nazionale:

Attualmente sono fuori dalla Federazione, ma se c'è qualcosa da condividere io sono a disposizione. Il prossimo ct? Serve un allenatore di grande esperienza, uno come Carlo Ancelotti.

Demetrio Albertini

Nel frattempo, dalla Svezia arriva un'offerta per Ventura, con un tweet di Ikea farcito di gelido humour scandinavo e chiuso da un commento sulle loro matite.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.