Ikea prova a sdrammatizzare: "La panchina a Ventura la offriamo noi"

La celebre azienda svedese scherza sull'eliminazione dell'Italia dai Mondiali e offre un posto al ct azzurro.

41 condivisioni 8 commenti 5 stelle

di

Share

Inevitabile che l'eliminazione degli azzurri dai Mondiali per mano della Svezia faccia ancora malissimo al popolo italiano. Altrettanto scontato che in situazioni di questo genere escano fuori sfottò e dileggi di vario genere. In taluni casi questi possono derivare da chi non ci ha particolarmente in simpatia, i classici episodi in cui si va ad affondare il coltello nella piaga; in altri, invece, l'ironia è soft e tenta di stemperare i toni.

Nella prima categoria rientra certamente l'esempio di Michael Ballack, che ha riscoperto recentemente l'orgoglio di essere tedesco (mai tramutato in titoli durante la sua carriera) proprio grazie all'Italia di Ventura e ha preso al volo l'occasione per inferire sugli azzurri, immediatamente dopo l'eliminazione.

L'ex calciatore ha lanciato gli hashtag #PrayforItaly e #ItalyOUT, probabilmente per tentare di compensare in parte quella frustrazione professionale che dovrà portarsi dietro per tutta la vita, derivata dall'incapacità di riuscire a vincere una Champions League a livello di club (due finali perse su due, prima con il Bayer Leverkusen e poi con il Chelsea) e, soprattutto, un trofeo importante con la sua Germania. In Nazionale d'altronde è stato sconfitto nella finale dell'Europeo nel 2008, in quella del Mondiale nel 2002 e, dulcis in fundo, eliminato in semifinale nel 2006 per mano proprio dell'Italia, reti di Grosso (e lui è il numero 13 che tenta invano di contrastarne il tiro a giro sul secondo palo) e Del Piero (remember Michael?). Considerando che subito dopo il suo addio al calcio la Germania ha vinto Mondiali e Confederations Cup, insomma, ci sta un po' di frustrazione repressa da parte sua.

Italia vs Svezia, l'Ikea offre la panchina a Ventura

Fatta questa doverosa (ed estremamente rancorosa, sì) premessa, passiamo alla seconda categoria di ironia, quella più delicata e senza la volontà di infierire. Ci rientra senza dubbio l'Ikea, la multinazionale svedese che non è nuova a trovate di marketing geniali per sfruttare i temi d'attualità. Lo ha fatto ovviamente anche in occasione del doppio confronto tra Italia e Svezia, aprendo le danze sui suoi canali social, con un riferimento al famoso "biscotto" di Euro 2004 prima della sfida d'andata:

È passato tanto tempo dal 2004. Anche noi svedesi #siamofattipercambiare #SveziaItalia

Una provocazione divertente, a cui in modo più o meno sportivo avevano risposto anche gli italiani. E quale poteva essere la principale arma a nostra disposizione per "colpire il nemico"? Ovviamente le famose matite dell'Ikea, quella di cui facciamo scorta (inutile negarlo) ogni volta che ci ritroviamo all'interno di un punto vendita del colosso svedese. E così, dopo la seconda partita, quella che ha certificato l'eliminazione dell'Italia dai Mondiali, vedendoci in difficoltà per le mancate dimissioni di Ventura, gli svedesi si sono offerti di risolverci il problema:

Però ridateci le matite #ItaliaSvezia

Le reazioni più divertenti degli italiani

Ironia divertente e priva di questioni in sospeso (se non quella legittima delle matite). E così, anche se c'è chi comunque non ha gradito, la maggior parte degli italiani ha risposto scherzando a sua volta, prendendo anche in considerazione l'eventualità di vedere Ventura al lavoro all'Ikea. Ecco le repliche più divertenti:

Ecco un esempio di sano e divertente sfottò. Però è giusto e doveroso specificarlo: in via ufficiale Fabio Grosso e l'Italia non hanno mai fatto male all'Ikea. A Ballack sì.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.