Retroscena Italia: Ventura voleva dimettersi dopo il ko in Svezia

Nel viaggio di ritorno da Stoccolma c'è stato un confronto acceso con alcuni membri della squadra che avrebbero chiesto un cambio di modulo. La risposta? "Fate voi la formazione".

35 condivisioni 142 commenti 5 stelle

di

Share

Dopo l’eliminazione dell’Italia dai playoff per i Mondiali 2018, emerge un clamoroso retroscena sulla posizione di Giampiero Ventura. Il ct avrebbe infatti minacciato di lasciare la guida della Nazionale nelle ore precedenti al match di ritorno con la Svezia. A rivelarlo è stato il giornalista di Sky Sport Alessandro Alciato.

Davanti a microfoni e telecamere, Ventura non ha annunciato ufficialmente le sue dimissioni, alla pari dei vertici federali. Nelle prossime 48 ore i contatti tra le parti proseguiranno e solo in seguito potrebbero maturare nuovi annunci. Ma stando a quanto raccontato da Sky Sport, il ct aveva già minacciato di dimettersi nel viaggio di ritorno da Stoccolma, dove venerdì sera l’Italia aveva perso per 1-0 la partita di andata dello spareggio. Ai suggerimenti di alcuni senatori di modificare sistema di gioco e interpreti, l’allenatore avrebbe risposto:

La squadra allora fatela voi.

La tensione è poi rientrata, con il Commissario Tecnico che ha confermato al fischio d'inizio della partita di San Siro il 3-5-2 visto con esiti non positivi in Svezia. Una scelta che non ha prodotto i risultati attesi, con una batosta storica in coda: dopo 60 anni (era il 1958) l'Italia non centra l'accesso ai Mondiali.

Italia, clamoroso retroscena: Ventura aveva minacciato dimissioni alla vigilia

Nelle prossime ore il presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, e il direttore generale della Federcalcio Michele Uva saranno chiamati a profonde riflessioni riguardanti la posizione del ct e il futuro del calcio italiano, che nella serata di Milano ha toccato il punto più basso della storia recente. In conferenza stampa Ventura si è limitato a delle scuse per i tifosi azzurri e ha anticipato cosa avverrà nell'immediato futuro:

Non mi sono dimesso perché non ho nemmeno parlato ancora con il presidente. Ora occorrerà valutare tante cose, dobbiamo parlare con la Federazione di tanti aspetti.

Tra i fattori sotto valutazione ci sarà sicuramente il contratto del Commissario Tecnico dell'Italia: il rinnovo fino al 2020, siglato in agosto, prevede infatti la scadenza anticipata del legame tra Ventura e la Federazione a giugno 2018 in caso di mancata qualificazione ai Mondiali di Russia. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.