Italia fuori dal Mondiale, Ballack e la Bild sfottono gli Azzurri

Il mancato accesso dell'Italia ai Mondiali non ha di certo sconfortato i tedeschi, che su Twitter si sono scatenati tra festeggiamenti e sfottò di ogni tipo.

128 condivisioni 376 commenti 0 stelle

di

Share

A distanza di 60 anni, l'Italia non è riuscita a qualificarsi per la fase finale di un Mondiale. Determinante il pareggio a reti bianche maturato a San Siro contro la Svezia che, forte dell'1-0 dell'andata, è riuscita a strappare il pass decisivo per i gironi di Russia 2018. Un risultato tremendamente deludente e inaspettato, che ha lasciato uno strascico infinito di polemiche e una buona dose di sani sfottò calcistici. 

La sconfitta dell'Italia va ben oltre il risultato: è il fallimento dell'intero sistema che vedrà sprecata un'intera generazione di talenti, costretta ad aspettare poco più di 4 anni prima di poter, eventualmente, giocare un campionato del Mondo con la maglia della propria nazionale. Romagnoli, Caldara, Conti, Bernardeschi, Florenzi, Rugani, Berardi, Belotti, Verratti: il più giovane di questi ragazzi avrà 28 anni in occasione del Mondiale del 2022 in Qatar. Qualcuno 30 anni, altri addirittura 31.

Per quanto le loro qualità non saranno mai messe in discussione, è chiaro a tutti che per tornare a essere competitivi a livello internazionale è importante quanto fondamentale dare spazio ai giovani. E per farlo è di vitale importanza rifondare l'intera struttura sulla quale è stato costruito il calcio italiano, investendo nelle infrastrutture per dare ai giovani emergenti l'opportunità di crescere in un ambiente adeguato e all'avanguardia.

Ballack di dispera dopo la sconfitta nella semifinale mondiale contro l'italia

Italia fuori dal Mondiale, dalla Germania arrivano gli sfottò 

A far arrabbiare ancor di più l'intero popolo italiano ci hanno pensato prima Michael Ballack e poi la Bild, uno dei quotidiani tedeschi più importanti e influenti a livello nazionale. L'ex centrocampista ha lanciato l'hashtag #ItalyOUT e ha scritto due Tweet: prima uno - poi rimosso perché di dubbio gusto - che recitava "preghiamo per l’Italia" e poi un altro provocatorio “Campioni del Mondo adesso?”. Il giornale sportivo ha invece ben pensato di titolare "ITALIEN RAUS" a caratteri cubitali, quasi per convincere loro stessi del fatto che, almeno per questa volta, non dovranno affrontare l'Italia nella fase finale di una competizione rischiando, come già capitato in passato, l'eliminazione.

Se da una parte i titoloni del quotidiano tedesco non fanno poi così tanta notizia, è curioso che il tweet di sfottò arrivi da un giocatore che, proprio per mano dell'Italia, ha dovuto dire addio ai sogni mondiali non meno di undici anni fa. Ricordate il gol di Grosso al 118° della sfida tra Germania e Italia nella semifinale del Mondiale del 2006, che ha poi spalancato le porte della finale alla nostra nazionale? Ecco, il giocare che avrebbe dovuto marcare il terzino italiano, ma che con colpevole ritardo ha tentato di intercettarne il tiro, era proprio Michael Ballack

La Bild sfotte l'Italia

Ovvero, spiegato in altre parole: se l'Italia ha vinto quella sera deve dire grazie a Grosso, a Del Piero e a Michael Ballack, che dimenticandosi di uscire in marcatura sul diretto avversario ha permesso al popolo italiano di esultare e gioire. A ricordarglielo ci hanno pensato decine e decine di utenti che hanno immediatamente commentato il post con una serie di immagini e video che immortalavano proprio il momento nel quale Grosso calciava verso la porta e lo stesso Ballack guardava il pallone insaccarsi alle spalle di Lehmann. Insomma, noi saremo pure costretti ad aspettare altri 4 anni per giocare un Mondiale, ma il rimpianto di quella notte rimarrà per sempre a Ballack e a tutti i tifosi tedeschi. Auf Wiedersehen.

Il gol di Grosso contro la Germania

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.