Premier League, Klopp: "Mi spacciarono Old Trafford per Disneyland"

Il manager del Liverpool ha raccontato che i Red Devils provarono a strapparlo alla concorrenza presentandogli il loro stadio come un parco divertimenti.

80 condivisioni 1 commento 0 stelle

di

Share

L'idolo della tifoseria e il simbolo di un'intera comunità con la maglia degli acerrimi rivali. No, non è uno scherzo, bensì una delle tante eventualità che Jurgen Klopp, oggi allenatore del Liverpool, ha dovuto fronteggiare prima di potersi sedere comodamente sulla panchina di Anfield. 

Ai tempi della sua ultima stagione al Borussia Dortmund, quando le voci di una sua partenza al termine della stagione si facevano sempre più insistenti, il Manchester United è stata una delle prime società a farsi avanti. A sorprendere il tecnico tedesco non fu tanto la proposta economica dei Red Devils, quanto le parole utilizzate da Ed Woodward, amministratore delegato del Manchester United, per convincerlo a firmare. 

Secondo quanto raccontato dallo stesso Klopp, che sognava di allenare in Premier League ed era attratto dall'interesse del Manchester United, l'errore principale commesso dal dirigente inglese fu quello di spacciare l'Old Trafford come una sorta di parco divertimenti per adulti e non per quello che in realtà è, ovvero la dimora del club più vincente d'Inghilterra. 

La carica di Klopp durante Liverpool v Manchester United

Premier League, e se Klopp fosse andato al Manchester United? 

Ricordo bene il modo in cui Woodward provò a persuadermi. Tentò di farmi credere che Old Trafford fosse una specie di Disneyland, ma pensato e ideato per persone più adulte. Non solo, me lo spacciò come un posto leggendario all'interno del quale tutti i sogni diventano realtà. La cosa mi apparve molto poco professionale, mi diede fastidio e qualche giorno dopo rifiutai. 

Così Klopp ripercorre questo episodio nella sua biografia, intitolata "Bring The Noise" e in uscita in questi giorni nelle librerie britanniche. Il tedesco racconta l'accaduto senza lasciar trasparire nessun sentimento di odio o rancore verso quel club che oggi è diventato il suo più agguerrito rivale.

Klopp ai tempi del Borussia Dortmund

A dar credito alla tesi di Klopp ci ha pensato Hans-Joachim Watzke, direttore sportivo del Borussia Dortmund, che in una breve intervista telefonica rilasciata al Guardian ha confermato l'accaduto e ha aggiunto qualche curioso dettaglio. 

Saranno state le dieci di sera. Stavo per iniziare la mia cena quando ricevetti la chiamata di Jurgen che mi disse: questi sono pazzi, mi volevano far credere che Old Trafford fosse un parco di divertimenti. Non mi sono piaciuti e così ho rifiutato in tronco la loro offerta. La Premier League dovrà aspettarmi.

Chissà cosa sarebbe successo se Ed Woodward fosse stato in grado di convincerlo ad approdare in Premier League utilizzando un'altra metafora. Forse José Mourinho siederebbe oggi sulla panchina del Liverpool?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.