Serie A, l'allarme di Chiellini: "Il livello è basso"

Dal ritiro della Nazionale italiana, il difensore della Juventus dice la sua sul campionato. Con una frecciatina al guardiolismo: "Ha rovinato una generazione di difensori".

80 condivisioni 95 commenti 5 stelle

di

Share

Alla vigilia di Svezia-Italia, partita di andata dello spareggio playoff che determinerà la partecipazione degli Azzurri di Ventura ai Mondiali 2018, fanno discutere le parole rilasciate in conferenza stampa da Giorgio Chiellini. Il difensore della Juventus, una delle colonne della Nazionale italiana con 94 presenze e 8 reti, ha lanciato l'allarme sull'abbassamento del livello medio della Serie A, vinta dai bianconeri nelle ultime sei stagioni.

Chiellini, alla Juventus dal 2004 e determinante nei successi ottenuti sotto la guida di Antonio Conte e Massimiliano Allegri, ha risposto alle domande dei cronisti sulla Serie A 2017/2018, oggi guidata dal Napoli con 32 punti a + 1 sulla Vecchia Signora e +2 sull'Inter, con Lazio e Roma che spingono a pochi passi. Una lotta appassionante, spiega il difensore: 

Ci sono tante squadre che lottano per vincere e siamo davvero tutte in pochissimi punti.

Alla resa dei conti, nelle prime 12 giornate di Serie A il Napoli ha ceduto solo 4 punti, la Juventus 5 e l'Inter 7, in attesa che Lazio e Roma recuperino le rispettive partite contro Udinese e Sampdoria. Testimonianza del valore degli organici delle formazioni di prima fascia, al quale per Chiellini fa da contraltare un altro fattore:

Credo sia anche una conseguenza dell’abbassamento del livello medio del campionato. Adesso è davvero difficile perdere punti con tante squadre, se non per demeriti grandi. Qualche anno fa non era così.

Serie A, l'allarme di Chiellini: "Il livello medio si è abbassato molto"

Contro la Svezia, Ventura ricomporrà probabilmente la BBC nella linea difensiva azzurra: davanti a Gigi Buffon, Chiellini e Andrea Barzagli ritroveranno così Leonardo Bonucci, ex compagno di squadra nella Juventus, oggi passato al Milan. Uniti per la Nazionale, avversari in una Serie A che per il centrale nato nel 1984 a Pisa ha bisogno di invertire rotta:

Questo dovrebbe essere monito di riflessione per chi di dovere: per tante squadre medio-piccole non c’è nemmeno motivazione a investire di più. C’è una spaccatura nel campionato: per un tifoso può essere bello, per me sarà bello solo se vinco.

Giorgio Chiellini, 341 presenze con la Juventus
Giorgio Chiellini, 341 presenze con la Juventus: ha denunciato il livello medio basso della Serie A

"Il guardiolismo ha rovinato una generazione di difensori"

Alle spalle della BBC, intanto, crescono ottimi prospetti: da Mattia Caldara ad Alessio Romagnoli passando per Daniele Rugani, una nidiata di Under 23 è pronta a far parte da protagonista del prossimo ciclo della Nazionale. La distanza dai titolari oggi appare però ancora evidente. Chiellini ha una personale chiave di lettura, che chiama in causa Pep Guardiola, allenatore del Manchester City:

Devono crescere in ambito internazionale, ma faranno molto bene. Credo che il guardiolismo abbia rovinato una generazione di difensori. Pensano tanto a impostare, allargarsi, ma stanno poco sull’uomo. La tradizione italiana in difesa è quella dei grandi marcatori: perché l’Italia torni ai vertici del calcio mondiale serviranno attaccanti forti, ma anche difensori veri.

Verso Svezia-Italia: "Loro più tecnici, l'assenza di Ibrahimovic è un bene"

Italia, Giorgio Chiellini guida il gruppo azzurro nel ritiro di Coverciano
Italia, Chiellini guida il gruppo azzurro nel ritiro di Coverciano

L'Italia guarda a Stoccolma, dove domani sera alla Friends Arena sfiderà la Svezia nella sfida di andata dello spareggio determinante per l'accesso ai Mondiali di Russia: Chiellini era in campo nell'estate scorsa in Francia e da una sua rimessa laterale nacque la rete di Eder grazie alla quale l'Italia superò gli scandinavi a Tolosa nella seconda partita del girone di qualificazione di Euro 2016. Fiducia nelle parole del difensore della Juventus, sollevato dall'assenza di un avversario storico come Zlatan Ibrahimovic:

Rispetto a un anno fa mi aspetto una Svezia più tecnica, anche se ancora molto fisica. Hanno eliminato l’Olanda e messo sotto la Francia. Contro Ibra mi piacerebbe rigiocare, ma non questa volta: è una partita troppo importante, c’è in palio il Mondiale.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.