Real Madrid, Sergio Ramos: "Neymar? Se arriva gli apro la porta"

Il difensore spagnolo ha commentato la notizia di un possibile approdo del brasiliano come erede di Cristiano Ronaldo: "Mi piacerebbe averlo con noi, fa la differenza".

4 condivisioni 12 commenti 5 stelle

di

Share

Difficile vedere il bicchiere mezzo vuoto dopo aver vinto due Champions League consecutive. Eppure in casa Real Madrid il bilancio di inizio stagione è tutt'altro che positivo: in Liga appena 23 punti in 11 giornate (già 2 sconfitte e due pareggi) e in Champions League solo secondo posto nel Girone H (alle spalle del Tottenham). E addirittura l'infallibile Cristiano Ronaldo sembra perdere qualche colpo: appena 1 gol in campionato.

Ma guai a farsi prendere da facili allarmismi. Dal ritiro della Spagna ci pensa capitan Ramos a indicare la via. Il difensore del Real Madrid non vuole sentir parlare di fallimento e imputa agli infortuni la maggior parte dei punti persi da agosto fino a oggi.

Nell'intervista rilasciata all'emittente 'Cadena Ser', Sergio Ramos ha commentato anche l'indiscrezione di mercato riguardo un possibile passaggio di Neymar al Real Madrid. Il capitano non conferma né smentisce, ma spende parole di elogio per l'ex attaccante del Barcellona, che nei primi mesi al Paris Saint-Germain ha fatto parlare di sé più fuori dal campo che per le magie sul terreno di gioco.

Vota anche tu!

Il Real Madrid riuscirà a strappare Neymar al PSG?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Real Madrid, Sergio Ramos 'apre la porta' a Neymar

La notizia riportata da Mundo Deportivo ha fatto velocemente il giro del web: Neymar al Real Madrid come erede di Cristiano Ronaldo. Niente male avranno pensato i tifosi blancos. Ma bisogna fare i conti, letteralmente, con il PSG. Anche se, a quanto pare, il presidente Nasser Al Khelaifi è preoccupato per la situazione riguardante la giustizia svizzera. Verità o boutade di mercato. Poco importa, per Sergio Ramos sarebbe comunque un gran colpo:

Fosse per me lo porterei a Madrid già a dicembre. Mi piace avere in squadra i giocatori migliori e lui è uno dei pochi al mondo a fare la differenza.

È più facile che venga passando da Parigi che non direttamente dal Barcellona. Se vuole venire da noi la porta è aperta.

Neymar con il Barcellona e Sergio Ramos col Real Madrid

"Non sono d'accordo con Cristiano Ronaldo"

Se giochi con la maglia del Real Madrid sei costretto a portare risultati, raggiungere obiettivi, alzare trofei. Una condanna - se così la vogliamo chiamare - che tocca a tutti quelli che indossano la camiseta blanca. Secondo Ramos non tutto è perduto, l'importante è imparare dagli errori per migliorare:

Abbiamo perso punti importanti, ma c'è ancora tempo e possiamo rimontare. In zona gol saremo più fortunati. Non è un problema fisico, i dati parlano per noi. Abbiamo avuto tanti infortuni dall'inizio dell'anno, come Bale e Carvajal. La mancanza di gol non è colpa di nessun giocatore.

E guai a chi dice che il Real si sia indebolito. È il caso di Cristiano Ronaldo che ha puntato il dito verso le cessioni di Morata, James e Pepe. Impensabile per Sergio Ramos:

Non sono d'accordo con Cristiano, non è vero che prima eravamo più forti. Abbiamo vinto due Supercoppe ed eravamo gli stessi di adesso. La squadra bisogna valutarla quando è al completo e noi abbiamo avuto tanti infortuni. Cosa succede a Ronaldo? Lo conosco da molto tempo e conosco la sua ambizione. A me non interessa chi segna, ma lui ha un altro ruolo e altri obiettivi, come il Pallone d'Oro.

Ramos e la maglia della discordia

Non solo Real Madrid. Sergio Ramos è stato interpellato anche sullo spinoso argomento riguardante la maglia della Nazionale. Una polemica che ha innescato dibattiti perfino a livello politico. Ne hanno parlato in tanti, tocca anche al capitno dire la sua:

A me piace. Dopo tutto quello che è stato detto, ognuno è libero di esprimere la sua opinione, ma la cosa più importante sono i risultati che si raggiungono con la maglietta.

Sergio Ramos sulla polemica della maglia

Me ne ricordo una bianca con la quale perdemmo due volte e venne tolta dal mercato. Cerchiamo colori che ci identifichino. A me piace il viola, ma non l'ho scelta io (ride, ndr.).

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.