Il Quidditch arriva in Italia: a Firenze la Coppa del Mondo del 2018

Dal 27 giugno al 2 luglio, Firenze ospiterà il campionato mondiale di Quidditch, lo sport di Harry Potter.

Il Quidditch

12 condivisioni 34 commenti 5 stelle

di

Share

Dai libri di J. K. Rowling a Firenze, è tutto vero. Il Quidditch, lo sport di Harry Potter, è pronto a sbarcare in Italia per la quarta edizione della Coppa del Mondo organizzata dalla IQA, l'International Quidditch Association. Dal 27 giugno al 2 luglio 2018, negli impianti sportivi di Campo di Marte, trentuno paesi si sfideranno per succedere nell'albo d'oro all'Australia che due anni fa superò gli Stati Uniti in finale.

La IQA collaborerà con il gruppo Human Company, azienda toscana leader nel turismo. La presentazione dell'evento è stata svolta in mattinata a Palazzo Vecchio, alla presenza dell'assessore comunale Andrea Vannucci.

L'Italia ha ottenuto lo status di paese organizzatore al termine di un lungo processo di selezione comprendente pure Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Turchia, Australia e Belgio. Le tre edizioni precedenti si sono tenute a Londra (Inghilterra 2012), Burnaby (Canada 2014) e Francoforte (Germania 2016).

QuidditchCopyright GettyImages
Una fase del gioco

Il quidditch babbano: da Harry Potter alla realtà

Il nome completo della disciplina è “muggle Quidditch”, ovvero Quidditch babbano (i babbani, nella saga di Harry Potter, sono coloro che non possiedono poteri magici). Lo sport è nato negli Stati Uniti nel 2005, in seguito si è sviluppato in tantissimi altri paesi del mondo, tanto da arrivare in ogni continente. La prima Coppa del Mondo in assoluto, a carattere universitario, è stata disputata nel 2007 con il nome di US Quidditch Cup. A partire dal 2012, con la larga diffusione della disciplina in Europa, si è svolto a Londra il primo Campionato Europeo. L'Associazione Italiana Quidditch (ASD) è stata fondata nel 2013, la nostra nazionale ha partecipato agli Europei del 2015 e del 2017 e ai Mondiali del 2016.

Il gioco si basa su un mix di pallamano, rugby e palla prigioniera. Ogni squadra è composta da sette elementi: tre cacciatori, due battitori, un portiere e un cercatore, tutti a cavallo delle loro scope, dei tubi di PVC flessibile. Come nel mondo di Harry Potter, la partita finisce quando il cercatore prende lo snitch, il “boccino d'oro”, che nella realtà si è trasformato in una pallina da tennis inserita in un calzino di colore giallo. Questo viene rimboccato nei calzoncini del boccinatore, che è tenuto ad impedire la cattura dell'oggetto.

Cercatore QuidditchCopyright GettyImages
Il cercatore affronta lo snitch

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.