Premier League, David Luiz ora è un caso: Conte non lo convoca

Il difensore brasiliano, molto vicino ad Abramovich, escluso dal tecnico pugliese nella super sfida con il Manchester United.

Premier League, Conte e David Luiz si stringono la mano

1k condivisioni 23 commenti 5 stelle

di

Share

Il Telegraph lo aveva anticipato qualche ora fa: Conte non avrebbe fatto sconti, mettendo fuori chiunque non avesse dimostrato di rispettare le sue indicazioni. Il fatto che la prima testa a cadere sia quella con la folta chioma di David Luiz, però, alimenta dubbi e insinuazioni.

Il difensore brasiliano non è stato convocato per la delicatissima sfida di Premier League a Stamford Bridge tra il Chelsea e il Manchester United di Mourinho, una partita che - come riportato da SkySport - potrebbe anche decretare l'esonero dell'allenatore pugliese.

Ma perché Conte rinuncia a uno dei suoi migliori difensori? Il motivo ufficioso è la sua prestazione nella débacle contro la Roma in Champions League, nonché il "vaffa" plateale ricevuto al momento della sua sostituzione allo Stadio Olimpico. Ma in Gran Bretagna sono certi che lo abbia fatto perché lo stesso David Luiz sia uno dei Blues più vicini al presidente Roman Abramovich, la cui sintonia attuale con il suo manager, Antonio Conte, è a dir poco ai minimi storici.

Premier League, Conte esclude David Luiz

Il campione in carica della Premier League è sotto esame da tempo, la sonora sconfitta con la Roma ha reso ancora più traballante la sua posizione. E ora all'orizzonte c'è il Manchester United dell'odiato Mourinho (calcisticamente, s'intende), che sarebbe ben felice di propiziare l'esonero di colui che, a inizio stagione, lo prese ad esempio come modello da non imitare:

Spero di non fare la fine di Mourinho che venne esonerato dopo aver vinto la Premier League.

Il portoghese si ricorda certamente di quelle parole, non è uno che dimentica facilmente certe cose. Ma anche Conte ha buona memoria e ha vissuto da vicino quanto accaduto a Ranieri con il suo Leicester.

L'allenatore testaccino, nonostante la storica vittoria della Premier League alla guida delle Foxes, venne allontanato dalla panchina proprio per via di alcuni giocatori che avevano iniziato a remargli contro: nell'idea dell'ex ct azzurro, probabilmente, David Luiz potrebbe fare la stessa cosa. La sua vicinanza con Abramovich è pericolosa, soprattutto in un momento così delicato. E contro il nemico per eccellenza, soprattutto adesso, è meglio evitare qualsiasi distrazione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.