Guangzhou Evergrande-Tianjin Quanjian 1-2: Cannavaro chiude terzo!

Il tecnico napoletano strappa la qualificazione ai preliminari della Champions League asiatica. Decisivi l'1-2 ai campioni di Cina e il clamoroso ko dell'Hebei, ko 5-4 a Jinan.

1k condivisioni 10 commenti 0 stelle

di

Share

Era l'ultimo verdetto rimasto da scrivere. La Chinese Super League 2017 finisce con la gioia di Fabio Cannavaro e del suo Tianjin Quanjian, che a sorpresa vola ai preliminari della Champions League asiatica grazie alla vittoria per 2-1 ai danni del Guangzhou Evergrande e al contemporaneo ko dell'Hebei, battuto 5-4 sul campo dello Shandong Luneng di Graziano Pellè, oggi assente.

Una vittoria speciale per il Tianjin, che proprio un anno fa festeggiava la prima promozione nella massima serie della sua storia. Dalla seconda divisione ai preliminari di Champions in dodici mesi incredibili, per il club e per i protagonisti. Quindici reti in ventiquattro partite per Alexandre Pato, quattro (in ventisei) per Axel Witsel, l'uomo in più del centrocampo biancorosso. E poi Anthony Modeste, il suo acquisto a metà stagione si è fatto sentire eccome: otto presenze e sette gol, l'ultimo contro il Guangzhou.

Al Tianhe Stadium Cannavaro ha allenato dal dicembre 2014 al giugno 2015, venendo esonerato, nonostante il provvisorio primo posto, in favore di Felipe Scolari. Dal 2018, però, su quella panchina dovrebbe tornare proprio il difensore campione del mondo, che al Tianjin sarà probabilmente sostituito da Paulo Sousa.

WitselCopyright Twitter
Axel Witsel, centrocampista del Tianjin Quanjian

Guangzhou Evergrande v Tianjin Quanjian

Con Pato assente per infortunio, il peso dell'attacco è tutto sulle spalle di Modeste. È lui a sbloccare la partita al 18', prima del raddoppio di Sun Ke, arrivato al 16' della ripresa. L'esterno cinese è un altro dei protagonisti della stagione del Quanjian, con cinque gol e sei assist nelle venticinque partite disputate.

A mettere in discussione il risultato ci pensa Feng Xiaoting, che al 64' realizza quello che sarà il definitivo 1-2. C'è tanta tensione negli ultimi minuti: già privo di due elementi importanti come Pato e Pei Shuai, Cannavaro perde anche Witsel e Zhao Xuri; dall'altra parte Scolari non vuole lasciare con una sconfitta e aggiunge Muriqui al reparto offensivo formato da Ricardo Goulart, Alan Carvalho e Gao Lin.

Intanto da Jinan arrivano notizie positive, con l'Hebei sotto 4-3. Lavezzi non ci sta e subito dopo il novantesimo realizza il 4-4 col terzo gol della sua partita. Gli uomini di Manuel Pellegrini si gettano avanti alla ricerca del 5-4, ma a segnare è lo Shandong, con il calcio di rigore di Diego Tardelli. Arriva il triplice fischio da una parte e dall'altra e a Canton, per una volta, esultano gli avversari: il Guangzhou, in casa, non perdeva addirittura da tre anni.

La classifica finale della Chinese Super League

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.