Caso Evra: il Marsiglia lo sospende dopo il calcio al tifoso

La società ha annunciato il provvedimento nei confronti del terzino con un comunicato sul proprio sito: "È un giocatore esperto, non avrebbe dovuto farlo".

Marsiglia, Evra sospeso per il calcio al tifoso

480 condivisioni 18 commenti 4 stelle

di

Share

In attesa di sapere quale sarà la sanzione nei suoi confronti da parte della UEFA, Patrice Evra è stato sospeso con effetto immediato dall'Olympique Marsiglia per via del calcio rifilato ad un tifoso prima della partita di Europa League fra i francesi e il Vitoria Guimaraes.

L'annuncio del provvedimento preso nei confronti dell'ex giocatore della Juventus è arrivato nella serata di ieri con un comunicato sul sito ufficiale della società, che spiega come il presidente Jacques-Henri Eyraud abbia già parlato con il calciatore per informarlo della sua sospensione.

Mano (prevedibilmente) pesante dell'Olympique Marsiglia nei confronti di Evra, che giovedì sera ha letteralmente perso la testa dopo essere stato provocato da alcuni tifosi che lo hanno insultato in maniera pesante portandolo a reagire e a meritarsi l'inibizione dalla partita contro il Vitoria prima ancora del fischio d'inizio.

Evra, il Marsiglia lo sospende per il calcio al tifoso

Nel comunicato diffuso ieri sera dall'Olympique Marsiglia, la società francese spiega che nonostante le indagini abbiano riscontrato come le offese nei confronti di Evra da parte dei tifosi siano state particolarmente gravi (si parla di insulti razzisti), si sia arrivati alla decisione di sospendere il terzino classe 1981.

Il presidente Jacques-Henri Eyraud ha incontrato Patrice Evra e lo ha informato della sua sospensione con effetto immediato. L'indagine ha rivelato un comportamento inaccettabile di un gruppo di tifosi che hanno rivolto insulti particolarmente gravi verso di lui, ma un giocatore esperto come Evra non doveva reagire in questo modo. 

Un provvedimento molto severo a cui si aggiungerà probabilmente una squalifica da parte della UEFA, che ha già fermato il terzino per il prossimo turno di Europa League, in attesa del 10 novembre, giorno in cui la Commissione di controllo deciderà come punire il suo gesto violento.

Se, come ci si aspetta, la squalifica si aggirerà attorno ai 7-9 mesi, è quasi certo che la reazione di Evra nei confronti di quel gruppo di tifosi abbia segnato la fine della sua carriera, dato che l'ex juventino l'anno prossimo compirà 37 anni. Un epilogo molto triste, per quello che è stato sicuramente uno dei giocatori migliori del nuovo millennio nel suo ruolo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.