Bundesliga, 5 motivi per guardare Borussia Dortmund-Bayern Monaco

Il Borussia Dortmund ospiterà il Bayern nel prossimo turno di Bundesliga: ecco cinque motivi per cui non potete perdervi il Klassiker. Diretta su FOX Sports sabato alle 18.30.

111 condivisioni 1 commento 4 stelle

di

Share

Indipendentemente dalla qualità del torneo, ogni campionato ha una partita che ne rappresenta la massima espressione. Il caso più evidente è quello spagnolo, dove Real Madrid e Barcellona danno vita, da sempre, alla sfida fra le migliori squadre di Spagna. In Bundesliga l’unica squadra a competere sempre (e da sempre) per il titolo è il Bayern Monaco, che, di anno in anno (o meglio: di decennio in decennio) cambia l’avversario da battere.

Dal Borussia Moenchengladbach negli anni '70 all’Amburgo, passando per il Werder Brema e lo Stoccarda e arrivando alla sfida dei giorni nostri: il Klassiker, Bayern Monaco contro Borussia Dortmund, le due regine della Bundesliga. Basti pensare che l’ultima volta che a vincere il campionato tedesco è stata una squadra diversa da quella bavarese o quella giallonera, era il 2009. Trionfò il Wolfsburg di Dzeko.

Anche quest’anno Borussia Dortmund e Bayern Monaco rappresentano il meglio del calcio tedesco. Non se la predano i tifosi del Lipsia (splendida realtà che ha un futuro radioso), squadra ancora troppo giovane per poter vincere. L'anno scorso il club gestito dalla Red Bull è arrivato secondo e a trionfare, oltre ai bavaresi, ci sono riusciti i gialloneri in Coppa di Germania.

Vota anche tu!

Chi vincerà la sfida fra Borussia Dortmund e Bayern Monaco?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Bundesliga, 5 motivi per non perdere Borussia Dortmund v Bayern Monaco

Sabato 4 novembre (diretta su FOX Sports alle ore 18.30) la Bundesliga mostrerà la sua faccia migliore. Il Borussia Dortmund ospita il Bayern Monaco, primo a +3 sui gialloneri. Perché però la partita è davvero imperdibile? Ecco cinque motivi.

  • 1) Calcio offensivo

Già in estate, quando le due squadre si sono affrontate in Supercoppa, hanno dimostrato di pensare (entrambe) più ad attaccare che non a difendere. L’ultima gara è finita 2-2 (poi trionfò il Bayern ai rigori), l’anno scorso gli ultimi due scontri diretti sono terminati 3-2 (per i gialloneri) e 4-1 (per i bavaresi). Fanno 14 gol nelle ultime tre sfide.

  • 2) Equilibrio

A inizio ottobre il Bayern Monaco era a -5 dal Borussia Dortmund. Tre giornate di campionato dopo la situazione si è ribaltata: i campioni di Germania, con l’arrivo di Heynckes, sono tornati in testa alla classifica e hanno già 3 punti di vantaggio. Merito dei 9 punti conquistati dai bavaresi contro le due sconfitte (e il pareggio) rimediate dai gialloneri. Vincendo il Bayern andrebbe incredibilmente a +6, vale a dire in fuga. Se invece dovessero vincere i padroni di casa, la classifica della Bundesliga verrebbe comandata da due squadre a pari punti. Un equilibrio intrigante a questo punto della stagione.

  • 3) Gli ex

Quelli, si sa, nel calcio fanno sempre male. Da una parte c’è Lewandowski, che contro i gialloneri ha segnato 8 gol in 7 partite, dall’altra c’è Mario Gӧtze, che aveva scelto i bavaresi per fare il grande salto, ma che un anno fa è tornato a Dortmund con la coda fra le gambe. Superata la malattia, ha voglia di rilanciarsi definitivamente per dimostrare di essere ancora a livelli altissimi. Segnare col Bayern, in una gara così, potrebbe essere la svolta della sua stagione.

Robert Lewandowski
Robert Lewandowski con la maglia del Dortmund
  • 4) Die gelbe Wand

Si gioca in quello che secondo molti è lo stadio più bello al mondo. Di sicuro, quella giallonera, è la Curva più grande che esista. Forse anche la più rumorosa. Almeno nelle partite contro il Bayern Monaco. La gelbe Wand (letteralmente “la parete gialla”, anche se spesso in Italia si è tradotto con “il muro giallo”) dà sempre spettacolo con cori (coe il You’ll never walk alone) e coreografie. Perderselo sarebbe un peccato.

Die Gelbe Wand
Die gelbe Wand (la parete gialla)
  • 5) Goleador

Da due anni Aubameyang e Lewandowski si contendono lo scettro di re dei bomber in Bundesliga. Nella stagione 2015-16 ha vinto il polacco, l’anno scorso ha trionfato l’attaccante africano. Quest’anno, dopo 10 giornate, sono entrambi a 10 gol. Bene, anche se non benissimo visto le loro medie realizzative. Quel che fa impressione però è vedere le reti realizzate dal terzo della classifica cannonieri: Werner, del Lipsia, è a quota 5, esattamente la metà. Due bomber così, in una singola partita, è difficile vederli.

Aubameyang contro Lewandowski
Aubameyang contro Lewandowski

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.