Champions League: una Roma finalmente al passo con i top club

Nelle altre nove partecipazioni alla Champions League, a questo punto del torneo, solo nel 2007 la Roma aveva totalizzato più punti, sfruttando però un calendario più semplice. L'ultima vittoria contro una big risaliva addirittura al 2010.

La vittoria della Roma in Champions League

541 condivisioni 6 commenti 3 stelle

di

Share

Sette anni dopo l'ultima affermazione contro un top club, la Roma regala una notte da sogno ai suoi tifosi, schiantando il Chelsea di Antonio Conte con un secco 3-0. Un risultato in netta contraddizione con le ultime partite europee giocate dai capitolini, che mai di recente erano parsi così competitivi in Champions League.

Era il 23 novembre del 2010 quando gli allora uomini di Ranieri rimontarono i due gol di Mario Gomez con le reti di Borriello, De Rossi e Totti, superando un Bayern Monaco sì vice campione d'Europa, ma già matematicamente qualificato agli ottavi di finale. Escludendo quella vittoria bisogna tornare indietro a un altro Roma-Chelsea, quello del 4 novembre 2008, deciso da Panucci e una doppietta di Vucinic.

Più che le gioie, sono le delusioni ad aver caratterizzato gli ultimi cammini internazionali: dalla brutta figura rimediata contro lo Shakhtar Donetsk, a inizio 2011, all'1-7 incassato dal Bayern di Guardiola, dal 6-1 subìto dal Barcellona allo 0-3 col Porto ai preliminari dello scorso anno. Emblematico è il fatto che il successo di un mese fa contro il Qarabag abbia concluso un digiuno in Champions League durato ben 695 giorni. E prima del 2-1 in terra azera, la Roma non vinceva in trasferta dall'1-3 a Basilea del 2010.

Champions League, le statistiche della Roma

RomaCopyright GettyImages
Una grande Roma asfalta il Chelsea: 3-0

L'arrivo di Eusebio Di Francesco ha coinciso con una piacevole e sorprendente inversione di tendenza. Per la prima volta, dopo quattro partite del girone, i giallorossi sono ancora imbattuti, avendo vinto in due occasioni e pareggiato in altrettante. Nelle altre nove partecipazioni alla Champions League, a questo punto del torneo, soltanto in un'occasione la Roma ha totalizzato più degli otto punti con i quali comanda oggi il gruppo C. Nel 2007 la compagine allenata da Spalletti ne conquistò nove, aiutata tuttavia da un calendario più semplice, visto che oltre a un ko all'Old Trafford di Manchester arrivarono un successo contro la Dinamo Kiev e due ai danni dello Sporting Lisbona. Non proprio Chelsea e Atletico Madrid, insomma.

Nonostante avversari decisamente più abbordabili (Viktoria Plzen, Astra Giurgiu e Austria Vienna), nel 2016 lo stesso tecnico toscano fece otto punti nelle prime quattro gare del girone di Europa League, prendendo due gol in più rispetto alla stagione attuale. L'attuale difesa romanista è sempre più un bunker, le sole cinque reti subite ne fanno la migliore della Serie A. Alisson non subisce gol da 375', e contro i londinesi è arrivato il suo nono clean sheet. Numeri mostruosi di una Roma che fa paura. D'altronde, era la notte di Halloween.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.