Premier League: Henry provoca, Ibrahimovic si paragona a Dio

L'ex Arsenal ha recentemente intervistato lo svedese, stuzzicandolo sul fatto che il suo volto non sia ancora stato disegnato sulle mura del centro sportivo dello United.

1k condivisioni 18 commenti

di

Share

Al suo ritorno in campo mancano sempre meno giorni, l'attesa cresce col passare delle ore. Rompersi il legamento crociato anteriore a 36 anni è un evento che scoraggerebbe anche il più ottimista degli sportivi, ma non lui, Zlatan Ibrahimovic, che con la sua dedizione al lavoro e la sua mentalità vincente ha tutti i successi della sua lunga carriera. 

Lo svedese lo ha ribadito anche all'emittente britannica Sky Sports, che negli scorsi giorni ha inviato al centro sportivo del Manchester United uno che di gol in Premier League qualcosa ne capisce: Thierry Henry, leggenda dell'Arsenal e autore di ben 175 realizzazioni nel massimo campionato inglese a cavallo tra gli anni '90 e 2000. 

Una lunga intervista, una chiacchierata informale e infine una breve passeggiata all'interno del centro sportivo di Carrington, dove da oramai 6 mesi Ibrahimovic prosegue la sua riabilitazione, spalleggiato e supportato giornalmente dallo staff e dai compagni di squadra. 

una stretta di mano tra Henry e Ibrahimovic

Premier League, Henry intervista Ibrahimovic

Tra i tanti siparietti che hanno visto protagonisti Henry e Ibrahimovic, uno su tutti ha attirato l'attenzione. Il francese ha stuzzicato lo svedese facendogli notare che sul muro del centro sportivo, tra i personaggi della storia presente e passata del Manchester United, non fosse presente la sua immagine. 

A tale provocazione, solo dopo una grassa risata, Ibrahimovic ha risposto:

Non preoccuparti, è perché non sanno ancora come è fatto Dio. 

Solito Ibra. Non è infatti la prima volta che si paragona a Dio. 

Ritiro? Di sicuro non dopo questo infortunio. Uscirò di scena alla mia maniera - le sue parole rilasciate pochi giorni fa - anche se sarò costretto a camminare sulle acque.

E quando venne intervistato prima della sfida della sua Svezia al Portogallo che avrebbe regalato l'accesso ai Mondiali del 2014, dichiarò:   

Chi vincerà gli spareggi per la Coppa del Mondo? Credo che solo Dio lo sappia. Ma non vi sarà difficile chiedere a lui. Perché? Perché è qui davanti a voi, adesso. 

Il patto con il diavolo del Dio Ibrahimovic

Che sarebbe tornato a giocare lo aveva già ampiamente previsto, ma al termine della sua intervista con Henry ha voluto anche specificare il suo obiettivo futuro con protagonista la Premier League

Di solito porto a termine quello che ho cominciato e ci metto circa due stagioni. La Premier League è una di quelle cose che ho lasciato in sospeso. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.