Inghilterra, il portiere urina a partita in corso: arbitro lo espelle

Accade durante la partita di Non League, sesta divisione inglese: Max Crocombe espulso aall'87' dopo essere stato colto sul fatto.

Il momento dell'espulsione del portiere Crocombe

585 condivisioni 13 commenti 0 stelle

di

Share

Evidentemente lo stimolo si era fatto un po’ troppo impellente e insostenibile. E se sei il portiere della squadra, diventa complicato prendersi un attimo di pausa per correre negli spogliatoi, fare quel che deve essere fatto, e tornare regolarmente in campo come se niente fosse. 

Insomma, sarebbe stato difficile ripetere la corsa di Boksic nello spogliatoio durante la partita tra il Borussia Dortmund e la sua Lazio, oppure l’arte mimetica di Pippo Inzaghi nel corso del riscaldamento prima di entrare in campo nella gara tra Palermo e Milan. 

Max Crocombe era lì come tutti i portieri, solo contro tutti, questa volta anche contro gli stimoli fisiologici, sul terreno di gioco, senza possibilità di fuga. E così, nonostante arrivasse da Oxford (sì, l’anno scorso giocava proprio nella squadra della città della rinomata università più antica del Regno Unito), ha optato per la soluzione d’emergenza.

Pipì in campo, portiere espulso

Non ce la faceva proprio più, il 24enne portiere neozelandese del Salford City, il club di sesta divisione inglese di proprietà di Peter Lim (il magnate di Singapore al comando del Valencia) ed ex calciatori come Ryan Giggs, Gary Neville, Paul Scholes, Phil Neville e Nicky Butt. E così, ignorando i richiami del personale di sicurezza che tentava di dissuaderlo dal commettere quel gesto, si è liberato in piena partita, facendo pipì accanto alla sua porta.

L’arbitro della sfida di Vanarama National League North (Non League) all'Horsfall Stadium del Bradford Park Avenue non si è accorto subito di quello che fosse accaduto, ma gli è stato successivamente segnalato e ha provveduto all’inevitabile espulsione di Crocombe al minuto 87.

Lo racconta Colin Barker, un funzionario del club di casa presente allo stadio: 

Non ho visto quello che è accaduto e credo che non lo abbia fatto nemmeno l’arbitro. Il portiere però è stato espulso su segnalazione del guardalinee.

Le scuse di Max Crocombe

In pochi, allo sventolio del cartellino rosso, si sono resi conti di quello che fosse successo. Poi però la notizia è cominciata a circolare, tra lo sbigottimento e le risate generali. Al termine della partita, vinta comunque 2-1 dal Salford City, Crocombe ha voluto chiedere pubblicamente scusa per l’accaduto attraverso il suo profilo Twitter:

Vorrei scusarmi per l'incidente di oggi. Mi sono trovato in una posizione scomoda e fatto un errore che ha rovinato una vittoria molto importante. Non intendevo offendere nessuno, mi scuso con entrambi i club e tutti i tifosi. Non succederà mai più.

Tutto risolto, insomma. Per le prossime volte si organizzerà diversamente. Ma non fatelo comunque sapere alla sua ex squadra. Un comportamento del genere a Oxford non sarebbe certo tollerabile...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.