Calciomercato Premier League, Conte: "Non sono come gli altri manager"

L'allenatore del Chelsea parla delle voci che parlano di un suo possibile allontanamento: "Sono diverso dai miei predecessori, l'esonero non mi preoccupa".

366 condivisioni 6 commenti

di

Share

Nella nona giornata di Premier League, il Chelsea di Antonio Conte è tornato alla vittoria dopo un pareggio e due sconfitte nelle ultime 3 partite. Ma il successo casalingo contro il Watford è stato molto più problematico di quanto ci si aspettasse, coi Blues che dopo l'1-0 di Pedro sono andati in svantaggio, prima di reagire nella ripresa e vincere 4-2 negli ultimissimi minuti.

Il periodo negativo attraversato dalla squadra londinese, che già aveva avuto delle difficoltà nelle prime settimane di questa stagione, sta gettando dei dubbi sul futuro allo Stamford Bridge dell'ex allenatore di Juventus e Nazionale italiana, che è ora al centro di voci di calciomercato che lo vedrebbero lontano dalla Premier League.

A commentare queste indiscrezioni, ultima delle quali arriva dal Sun che parla di un suo addio imminente, è stato proprio Conte che nell'intervista tenuta dopo la partita contro il Watford ha dichiarato di non essere minimamente preoccupato dall'ipotesi di un suo licenziamento.

Conte al Chelsea
Conte vuole rimanere al Chelsea

Calciomercato Premier League, Conte: "Sono diverso dagli altri allenatori"

Conte era stato messo al centro di speculazioni di calciomercato nelle ultime settimane, per via del parallelismo fra la stagione appena iniziata e quella disastrosa del 2015-2016 in cui il Chelsea di Mourinho, anche in quell'anno campione in carica, arrivò al decimo posto dopo aver esonerato il portoghese a dicembre. Il tecnico pugliese ha però risposto di non essere come chi lo ha preceduto.

Sono diverso dai miei predecessori, è importante capirlo. Il club deve giudicare il mio lavoro e non sono preoccupato di un possibile esonero. In passato la società ha deciso così, ma non si può ragionare allo stesso modo con allenatori diversi. Se cambia la persona, cambia anche il suo lavoro.

L'allenatore italiano si è quindi detto sereno sul suo futuro, dopo che nelle ultime ore il suo nome era stato accostato anche al Milan, che starebbe cercando sul calciomercato un possibile sostituto di Vincenzo Montella. Conte però si vede ancora in Premier League ed ha fiducia nella sua squadra e nel suo lavoro.

Sento molti tipi di pressione, ma non questa. Io credo nel mio lavoro e do tutto quello che ho per la società che rappresento. L'ho fatto l'anno scorso e lo sto facendo in questa.

Ora Conte dovrà cercare di ritrovare in fretta la quadratura della sua squadra, dato che nelle prossime due settimane arrivano tre partite fondamentali: la trasferta di campionato contro il Bournemouth ma soprattutto l'incontro di Champions League in casa della Roma e il big match con il Manchester United, allenato proprio da Mourinho, di 5 giorni dopo.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.