MotoGP, Rossi: "Ultimi arrivati molto aggressivi, io sono pronto"

Il pesarese taglia il traguardo dietro a Marquez e nel post-gara è euforico: "Mi sono divertito, non vedo l'ora di rivedermi questa gara sul divano".

Valentino Rossi

849 condivisioni 17 commenti

Share

Non è finito sul gradino più alto del podio, eppure a Phillip Island tutti gridavano il suo nome: "Rossi, Rossi, Rossi!". A trionfare è stato Marquez che a due gare dal termine della stagione guida il Mondiale di MotoGP con 269 punti, 33 in più di Dovizioso (13esimo), 50 in più di Viñales e 81 in più di Valentino Rossi. Che ormai è tagliato fuori dalla lotta per il titolo ma che non rinuncia a divertirsi. 

E oggi si è divertito eccome Vale, da pazzi. Ha tagliato il traguardo al secondo posto dopo una gara fatta di sorpassi e controsorpassi. Un gran premio che ha commentato così ai microfoni di Sky Sport: 

Chi ha fatto la fatica di alzarsi alle 7 in Italia credo non si sia pentito e non sia neanche tornato a letto. Mi sono divertito, non vedo l'ora di rivedere questa gara. Voglio mettermi comodo e gustarmela tutta. Oggi ce le siamo date, le ho prese e le ho date. Gli ultimi arrivati hanno alzato molto il livello di aggressività, ma se il gioco è questo io sono pronto, giochiamo (ride, ndr). 

Ha 38 anni, Vale, eppure dice parole simili col sorriso di un bambino. Il riferimento è a Iannone, Zarco e Marquez. Di quest'ultimo in particolare porta i segni di una ruotata rimediata a 8 giri dalla fine quando era in battaglia per il 1° posto con Maverick Viñales. 

Nelle prove su questa pista  - ha proseguito il Dottore - si fa fatica. Sull'asciutto non ero messo male, mi trovavo bene. Questo risultato è importante perché vengo da un periodo difficile. Anche per la Yamaha è molto importante dopo una gara disastrosa. L'obiettivo è rendere competitiva la M1 in tutte le condizioni.

MotoGP, Valentino Rossi: "Potevo stare con Marquez fino alla fine"

Sul duello con Marquez dice: 

Avrei potuto stare con lui fino alla fine. Mi ha fatto perdere tempo quando mi ha superato, ma potevo restare con lui. Poi anche Iannone mi è entrato alla "spera in Dio" altrimenti sarei riuscito a stargli attaccato fino al traguardo. Io ero velocissimo in alcuni punti, mi trovavo molto bene. Avrei potuto battere Marquez anche se lui ne aveva di più. Abbiamo lavorato molto e sono riuscito a lottare per la vittoria. Ho fatto la scelta giusta mettendo la media, ma abbiamo ancora dei problemi irrisolti. Dobbiamo riuscire a essere veloci sempre. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.