Bundesliga, il Bayern Monaco aggancia la vetta: 1-0 all'Amburgo

Che fatica per i bavaresi, nella prima esterna di Heynckes. Ma il gol di Tolisso vale l'aggancio al Borussia Dortmund al primo posto. E sabato la super sfida con il Lipsia.

457 condivisioni 4 commenti

di

Share

Una faticaccia, ma la missione è compiuta: l'aggancio al primo posto è realtà. Il Bayern Monaco espugna il Volksparkstadion: ci pensa il redivivo Tolisso a regalare l'1-0 contro l'Amburgo, alla prima uscita esterna per Jupp Heynckes. E soprattutto, i tre punti che permettono ai Rotten di raggiungere il Borussia Dortmund (reduce dal pareggio di Francoforte) in vetta alla Bundesliga.

Ora sono 20 i punti in classifica: gli stessi delle Vespe, uno in più rispetto al Lipsia. E sabato all'Allianz Arena andrà in scena proprio la super sfida tra i Rotten e la creatura della Red Bull.

Quante difficoltà però per superare l'undici di Markus Gisdol, il 162° allenatore del campionato tedesco ad affrontare il vecchio Jupp. Un primo tempo senza squilli, per il Bayern, bloccato dalla garra dei padroni di casa. Nella ripresa - con l'Amburgo in dieci uomini - è decisivo l'ingresso lampo di Thomas Müller: suo l'assist vincente per Tolisso, appena prima di infortunarsi e lasciare il campo dopo neanche dieci minuti.

Bundesliga, il Bayern Monaco aggancia il Borussia Dortmund in vetta

Un avversario con gli attributi. Che parte forte e non subisce neanche un tiro nello specchio. È l'ostacolo che trova davanti a sé il Bayern Monaco, incapace di concludere a rete per tutto il primo tempo. L'unico a scaldare i guanti dei due portieri è André Hahn: un sinistro da fuori area bloccato da Ulreich. L'Amburgo ha una voglia matta di fare il colpaccio contro i campioni di Germania: la classifica di Bundesliga è grigia - terzultimo posto in tandem col Friburgo - e i punti servono come il pane. I Rotten faticano così a scardinare lo scacchiere di Gisdol: la chance più ghiotta rimane l'esterno della rete centrato da Robben dopo una ventina di minuti.

Non è un Bayern straripante, quello che si pesenta con cinque volti nuovi rispetto alla vittoria in Champions League contro il Celtic: fuori Müller, Boateng, Rudy, Kimmich e Thiago Alcantara, spazio a Vidal, Rafinha, Süle ma soprattuto Tolisso e James Rodriguez. Per entrambi è la prima da titolare dal ritorno di Heynckes: l'ex Real Madrid non partiva dal primo minuto dalla batosta europea di fine settembre con il PSG. E, proprio come allora, la sua partita finisce all'intervallo: il cambio con Müller è molto vicino a una bocciatura. Si conclude invece al 39' quella di Gideon Jung: il classe '94 stende da dietro Coman e rimedia un cartellino rosso che surriscalda gli animi al Volksparkstadion.

Heynckes ringrazia Tolisso

Dagli spogliatoi, come detto, non riemerge James: la prestazione del colombiano è deludente, al suo posto Heynckes si affida a Thomas Müller. Il numero 25 rimarrà in campo appena per dieci minuti, prima di infortunarsi ed essere sostituito a sua volta da Thiago Alcantara. Tanto gli basta per trasformarsi in assistman e mandare in gol Corentin Tolisso: il francese sigla di piattone destro il suo secondo centro con la maglia del Bayern Monaco. Sarà la rete che deciderà l'incontro, ma le occasioni non mancheranno.

Prima è l'Amburgo a mettersi le mani nei capelli: Hahn calcia a botta sicura da fuori area, ma Ulreich è strepitoso a deviare in angolo. Poi però è la sagra del raddoppio mancato dai Rotten: due pali colpiti da Thiago Alcantara e dallo stesso Tolisso, ma soprattutto una miriade di chance pulitissime sprecate da Lewandowski e compagni. Poco importa per Heynckes: a due giornate dal suo ritorno in panchina, ha già riagganciato la vetta. La Bundesliga è riaperta. E sabato all'Allianz arriva il Lipsia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.