Serie A, Roma: ora Dzeko è diventato il leader dei giallorossi

Nella scorsa stagione aveva segnato valanghe di gol senza però incidere nei momenti decisivi. Ora vuole trascinare i suoi anche in coppa.

523 condivisioni 3 commenti

di

Share

Quella che sembrava una proibitiva trasferta di Champions League potrebbe essere stata la svolta della stagione della Roma. Il pareggio dei giallorossi in casa del Chelsea è arrivato dopo una grande prestazione e dato il pareggio dell'Atletico Madrid contro il Qarabag, il punto guadagnato potrebbe essere fondamentale per il passaggio del turno.

Il mattatore della serata è stato sicuramente Edin Dzeko, autore di una strepitosa doppietta dopo che nei suoi anni in Premier League non aveva mai segnato una rete al Chelsea. Il pareggio finale di Hazard non sminuisce la grande prestazione che ha portato la squadra di Di Francesco a un passo dall'impresa a Londra.

Con i due gol di ieri sera il bosniaco sale a quota 59 marcature in 100 partite giocate nella Roma. Una media impressionante se si considera la prima annata dall'arrivo in Serie A che andò di molto sotto le aspettative. Ma dopo la scorsa stagione in cui ha ritrovato il feeling con il gol, quest'anno sembra essere in grado di decidere anche i big match.

Serie A, Roma: Dzeko è diventato un leader

Dopo una prima annata deludente con all'attivo solamente 10 gol, Dzeko si è riscattato nella scorsa stagione che è stata anche la più redditizia della sua carriera dal punto di vista realizzativo: ben 39 reti fra campionato e coppe che gli hanno permesso di diventare capocannoniere sia in Serie A che in Europa League.

Ma nonostante i suoi grandissimi numeri, sul bosniaco sono arrivate anche delle critiche per la sua tendenza a "sparire" nei match clou della sua Roma. Dopo aver deciso la trasferta di Napoli in Serie A con una doppietta, Dzeko ha sempre offerto delle brutte prestazioni nelle partite decisive della stagione giallorossa, in particolare nei doppi confronti di Europa League e Coppa Italia con Lione e Lazio.

Quest'anno le cose sembrano essere diverse, con l'ex centravanti del Manchester City che ha iniziato da dove si era fermato l'anno scorso ed è a quota 10 gol in 10 partite stagionali. Ma ora il bosniaco sembra aver definitivamente indossato i panni di leader della squadra giallorossa anche nei big match. Le belle partite giocate contro l'Inter (condita con il gol del momentaneo vantaggio), col Napoli (in cui è stata la traversa a negargli la rete) e quella di ieri sera contro il Chelsea sembrano aver consegnato a Di Francesco il centravanti capace di guidare la sua squadra anche negli incontri più difficili.

In una Roma che per la prima volta da più di 20 anni è sprovvista di un faro, sia tecnico che psicologico, come Francesco Totti, Dzeko sembra volersi prendere sulle spalle i suoi compagni una volta per tutte, sperando in una delle costanti della sua carriera: dopo un inizio difficile, sia al Wolfsburg che al Manchester City, sono arrivate le vittorie in campionato grazie soprattutto ai suoi gol. Se il bosniaco confermerà i buoni segnali di questi primi due mesi di stagione, rivedere lo Scudetto nella Capitale potrebbe non essere un'utopia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.