Champions League, il Napoli si sveglia tardi: il Manchester City vince 2-1

I Citizens vanno sul 2-0 in meno di un quarto d'ora con Sterling e Gabriel Jesus. Mertens sbaglia un rigore nel finale di primo tempo, Diawara firma il 2-1 dal dischetto.

Hamsik

491 condivisioni 36 commenti

di

Share

Dominante in Italia, dominato in Europa. Almeno per mezz'ora. La prima del match, quella che ha deciso la partita. In Champions League il Napoli è sceso in campo ed è diventato improvvisamente piccolo piccolo, schiacchiato dal Manchester City di Guardiola che tanto aveva lodato la squadra di Sarri. Ha dato una lezione al suo collega, Pep, costringendolo alla seconda sconfitta in Champions League dopo quella rimediata in Ucraina contro lo Shakhtar.

I Citizens vanno sul 2-0 con Sterling e de Bruyne in meno di un quarto d'ora, sfiorano a più riprese il 3-0 e poi rischiano di andare a riposo con appena una rete di vantaggio. Li grazia Mertens che dal dischetto si fa ipnotizzare da Ederson. Al contrario di Diawara che dagli undici metri non sbaglia. La rimonta s'interrompe sul nascere, il Napoli lascia l'Etihad sconfitto 2-1 ma con la consapevolezza che con un approccio diverso e po' di coraggio in più il risultato sarebbe potuto essere diverso. 

Champions League, il racconto di Manchester City-Napoli

Al primo affondo il Manchester City passa. All'8' David Silva sprinta sulla sinistra, crossa verso Gabriel Jesus che trova sulla sua strada Koulibaly. Sulla palla vagante s'avventa Sterling che fa 1-0. Passano appena cinque minuti, il Napoli è in balia degli avversari e subisce anche il secondo gol. Nasce tutto da una respinta sbagliata di Albiol, il pallone arriva a de Bruyne che si libera di Koulibaly e mette in mezzo un cross rasoterra per Gabriel Jesus. Tutto semplice per il brasiliano, il 2-0 è servito.

La furia del City non s'arresta, i padroni di casa creano altre tre occasioni da gol. De Bruyne colpisce una clamorosa traversa dopo una ripartenza fulminea; Koulibaly toglie un pallone dalla sua porta; Sterling colpisce male. Il 3-0 non arriva, il Napoli all'improvviso ha l'occasione di rientrare in partita. Walker trattiene Albiol in area: è calcio di rigore. Sul dischetto va Mertens, Ederson respinge e fa disperare l'attaccante belga. Nel finale di primo tempo Reina salva su Grabriel Jesus dopo un errore di Hamsik.

L'errore dal dischetto dovrebbe stendere il Napoli, che invece nella ripresa prende campo. Ancor di più dopo l'infortunio muscolare di Insigne che lascia il posto ad Allan. Hamsik sfiora il gol a porta vuota, Stones s'immola e gli nega l'esultanza. Poi è Ghoulam ad accendere i minuti finali. Dopo una serpentina, l'algerino viene steso in area da Fernandinho: secondo rigore per il Napoli. Stavolta sul dischetto va Diawara, classe '97, che gonfia la rete. Troppo tardi, il risultato non cambia più. La classifica del Gruppo F di Champions League vede il Manchester City primo a 9 punti a punteggio pieno, lo Shakhtar - vittorioso 2-1 in casa del Feyenoord - secondo a 6 punti, il Napoli terzo a 3 e il Feyenoord ultimo a quota zero. 

La cronaca di Manchester City vs Napoli

Le immagini della partita

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.