Premier League, Mourinho e il Barcellona: "Un giorno dirò tutto..."

Nel 2008 lo Special One era vicinissimo ai blaugrana, poi arrivò Guardiola. L'Inter è ancora nei suoi pensieri: "Una vera storia d'amore. United? Non chiuderò qui".

Premier League, Mourinho e quel mancato arrivo al Barça

1k condivisioni 15 commenti

di

Share

Una scelta che ha cambiato tanti destini. José Mourinho era pronto per allenare il Barcellona. Nel 2008 stava per rientrare dalla porta principale del Camp Nou dopo un passato da vice e tanti trofei vinti in Portogallo. Poi? I blaugrana scelsero la "matricola" Guardiola. Lo Special One andò all’Inter, vinse e si prese una rivincita anni dopo. Oggi il suo presente è in Premier League al Manchester United.

Sono passati quasi dieci anni da quel mancato approdo in Catalogna. E il diretto interessato non dice ancora perché l'affare andò in fumo. Intervistato dal canale francese TeleFoot, Mou parla di United e Inter. La voglia di vincere con i Red Devils, quell’affetto mai dimenticato per gli anni nerazzurri. Una storia d’amore che prosegue anche a distanza.

E in Premier League il duello (guarda tu il destino) è proprio con Pep. Mourinho e lo United secondi, Guardiola e il City primi. Dal mancato accordo al Barcellona ad oggi: dieci anni speciali per un allenatore speciale pronto ancora a sorprendere.

Premier League, Mourinho coach del Manchester United
Premier League, Mourinho sulla panchina del Manchester United

Premier League, Mourinho già pensa al futuro

Venti punti in Premier League: 6 vittorie, 2 pareggi e 0 sconfitte. Il Manchester United di José Mourinho va, ma per ora non basta. Due lunghezze sopra ci sono i cugini del Manchester City.

Sono un allenatore con grandi ambizioni, desideri, voglia di provare sempre altre cose e nuove esperienze. Io sempre in Premier League? Credo, anzi, sono sicuro che non concluderò la mia carriera allo United.

Per essere Speciale One, Mourinho, ci ha impiegato un bel po’. Eppure la sua storia poteva cambiare per sempre firmando con il Barcellona:

La verità? Sono cose della mia carriera che preferisco tenere per me. Forse un giorno dirò tutto, magari quando sarò vecchio, molto vecchio, vecchissimo. Forse.

Premier League, Mourinho e Guardiola
Premier League, Mourinho contro Guardiola

Pazza Inter amala

Mourinho e quel biennio nerazzurro indimenticabile. Il Triplete come corona di una squadra fortissima guidata da un grande allenatore. José ricorda sempre con piacere:

All’Inter è stato tutto speciale. C’è stata una relazione d’amore con un gruppo di giocatori che aveva l'ultima occasione di vincere qualcosa di importante in carriera. Insieme abbiamo regalato alla famiglia Moratti e a tutto il popolo interista una gioia incredibile. Il Real Madrid? Volevo fortemente i Blancos per sconfiggere il Barcellona. E Zidane oggi vince, dunque è un grande allenatore.

Premier League, Mourinho e l'abbraccio a Moratti
Premier League, i ricordi di Mourinho: indimenticabile il Triplete

E sul futuro, occhio al richiamo della Tour Eiffel:

Il Paris Saint Germain è una squadra speciale, con tanta qualità, giovane, magica. Mio figlio abita a Londra, ma l’altro giorno è volato a Parigi per vedere un match del PSG e non del Manchester. Quella città ha qualcosa di speciale.

Chiosa finale su Karim Benzema e Paul Pogba:

Un peccato che il primo non sia in Nazionale, non so bene i motivi, ma è veramente un grosso peccato. Paul può scrivere la storia del calcio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.