Liga, Valencia tennistico: Betis affondato 6-3, Zaza ancora a segno

La squadra di Marcelino stravince la quarta partita di fila e si prende il secondo posto solitario in classifica a -4 dal Barcellona. Settimo gol per Zaza in campionato.

2k condivisioni 73 commenti

di

Share

La partita più pazza del mondo, vinta dall'antagonista che non ti aspetti. Se il Barcellona è in fuga, tocca al Valencia guidare il gruppo delle inseguitrici. La vittoria al Benito Villamarín certifica la qualità della squadra di Marcelino: brava a difendersi, letale quando si porta in attacco. Il secondo posto solitario nella Liga ne è la prova. Ora sono 4 i punti di distanza dalla vetta. Merito del 6-3 rifilato al Betis: segnano Kondogbia, Guedes, Rodrigo, Mina, Zaza e Pereira. Questo Valencia diverte e vince. A dir poco preoccupante però il blackout nel finale: tre gol subiti in cinque minuti e rimonta sfiorata per i padroni di casa, costretti alla terza sconfitta in campionato.

Liga, Betis - Valencia: la cronaca del match

Al Benito Villamarín si incontrano due delle squadre più in forma della Liga: 10 punti nelle ultime 4 gare di Liga per entrambe le formazioni. Il Betis è reduce dal 4-4 spettacolare contro la Real Sociedad, mentre prima della sosta il Valencia si era sbarazzato dell'Athletic Bilbao (3-2). 

Partono meglio gli ospiti, bravi a costruire gioco e sviluppare la manovra soprattutto sugli esterni. Risponde con qualche azione solitaria la squadra di Setinen. Ma a passare in vantaggio è il Valencia al 35': calcio d'angolo al millimetro di Parejo che pesca in area di rigore Kondogbia, colpo di testa potente e preciso. Secondo gol in stagione per l'ex Inter dopo quello segnato al Real Madrid.

I ragazzi di Marcelino non si accontentano e cercano il raddoppio prima dell'intervallo. E riescono nell'impresa. Adan respinge il tiro al volo di Soler, il pallone arriva sui piedi di Guedes che lo sposta e col il destro lo mette sotto l'incrocio dei pali. Tutti in piedi per uno dei gol più belli di giornata. Da vedere e rivedere.

Il secondo tempo

Rientra in campo con tutto un altro spirito il Betis. Dieci minuti e rigore a favore che potrebbe cambiare la partita: dal dischetto si presenta Sergio Leon, ma Neto non si lascia spaventare e respinge la conclusione dell'attaccante. Risultato che rimane sullo 0-2. Almeno fino a quando Rodrigo decide di mettere dentro il terzo gol della serata.

Decimi minuti più tardi Santi Mina sembra chiuderla. Sembra, sì. Perché al minuto 79 i padroni di casa si svegliano e si mettono in testa un'idea folle: la rimonta. Joel Campbell segna all'esordio su un erroraccio della difesa del Valencia, Sanabria fa il bis due minuti dopo. Ma non è finita. Tello riduce al minimo la distanza con un destro a giro che non lascia scampo a Neto, è 3-4.

La rimonta però non si concretizza, merito del solito Zaza che in contropiede rimette la sua squadra a distanza di sicurezza. L'attaccante italiano segna il settimo gol in campionato e si fa anche male al momento di calciare in porta. Ma non fa niente perché nel recupero arriva addirittura il gol del 3-6, firmato da Andreas Pereira, entrato nel secondo tempo al posto di Soler. Il Valencia vince dopo essersi complicato la vita da solo: è secondo posto solitario in Liga.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.