Nico Patschinski: idolo del St. Pauli, becchino e autista di pullman

Calciatore, postino, giocatore d'azzardo nei casinò, autista di autobus e di carri funebri: Nico Patschinski è un uomo dalle mille vite.

L'ex St. Pauli, Nico Patschinski

196 condivisioni 1 commento

di

Share

Nella società contemporanea sapersi reinventare è fondamentale. Le prospettive variano da un momento all'altro, sicurezze non esistono e l'iniziativa personale è l'unica arma su cui si può davvero fare affidamento.

Non tutti riescono a essere pragmatici e sfruttare al meglio le occasioni che hanno sottomano? In questi casi, è sicuramente funzionale avere un punto di riferimento a cui ispirarsi.

Allora, affidatevi a un esperto del restyling, un uomo che non ha sicuramente paura di cambiare vita: Nico Patschinski.

Le mille vite di Nico Patschinski 

Facile, penserete. Che ci vuole a costruirsi un nuovo avvenire dopo aver fatto il calciatore? Le porte sono aperte, le strade da percorrere numerose. I risparmi ci saranno. Ecco, per Patschinski è stato esattamente l'opposto.

Nico nasce a Berlino l'8 novembre 1976. La sua carriera calcistica inizia nel 1994 quando approda all'Union Berlin, squadra che milita nella Serie B tedesca. Anni da girovago, prima di accasarsi al St. Pauli e di conoscere la Bundesliga. È proprio qui che la carriera di "Patsche" tocca il suo apice: il 6 febbraio 2002 segna il gol dello storico 2-1 di quello che per ora è il primo e unico successo del St. Pauli contro il gigante Bayern Monaco

Da quel momento in poi, la carriera di Nico, per quanto ancora lunga, continua in una inesorabile discesa, tra club che giocano in categorie sempre meno importanti. Appende ufficialmente gli scarpini al chiodo solo nel 2015, ma nel frattempo la sua vita prende una svolta inaspettata. La passione per il calcio forse non riesce a soddisfarlo pienamente, così l'attaccante tedesco inizia a riempirsi le giornate con qualcosa di diverso: il gioco d'azzardo. 

Patschinski è un appassionato dei casinò. Anzi, un vero frequentatore. Poker e slot machine sono le sue scelte preferite. Peccato che non sia fortunato, o nemmeno accorto, e contrae debiti importanti in giro per tutta Europa. Il bisogno di soldi lo porta a diventare un postino con un salario di 1200 euro al mese. Peccato che dopo un'aggressione in cui gli vengono rubati 600 euro lo obbliga a cambiare lavoro lasciandolo di nuovo in cattive acque.

Niente paura, c'è solo da rimboccarsi le maniche: per un breve periodo Nico diventa ristoratore, prima di accettare un nuovo posto come becchino. Un lavoro che in pochi sarebbero disposti a fare, ma lui invece non si tira indietro e si mette alla guida dei carri funebri.

Thomas Meggle, suo vecchio compagna di squadra, commenta così la sua decisione:

Spero di vivere a lungo, ma se così non fosse sarei felice di fare l'ultimo viaggio in macchina con lui

Nico Patschinski, autista di pullmanImago/Baering
Nico Patschinski, da calciatore ad autista

Patschinski è sempre stato un girovago e, come lo era nel calcio, continua a esserlo anche lontano dai campi. Da poco, infatti, ha appena firmato un nuovo contratto di lavoro, si spera per lui finalmente duraturo: è l'autista del pullman dei tifosi dell'Amburgo. Ironico che l'ex St.Pauli abbia trovato lavoro proprio nel club rivale, ma lui ha assicurato, in un'intervista a Liga-Zwei.de, di aver già iniziato a studiare il percorso per lo stadio. Anzi, ammette anche di non vedere l'ora di togliersi qualche soddisfazione.

Uno dei percorsi di questo bus include anche il servizio navetta per le partite al Volksparkstadion. Da giocatore ho sempre trovato posto in fondo, ora potrò stare davanti. 

I calciatori dopo la carriera

Quando un calciatore appende gli scarpini al chiodo e si ritira, spesso viene completamente dimenticato. Quasi nessuno si chiede cosa ci sia nella vita degli sportivi quando le loro carriere finiscono. Il tema viene affrontato direttamente da Nico Patschinski nella sua intervista.

Molti tifosi credono ancora che, per un ex-calciatore, ci siano abbastanza soldi per vivere una vita normale. In realtà questo accade solo per i migliori giocatori.

Alcuni riescono a rimanere nel mondo dello sport, magari anche ad alti livelli grazie a un ruolo da allenatore o da manager, altri invece devono trovare qualcosa di nuovo, anche se si tratta di impieghi più modesti. Molti ex calciatori hanno dovuto affrontare questa nuova sfida, ma in molti, anche iniziando delle vite totalmente diverse dalle precedenti, ne sono usciti con un nuovo e rigenerato senso di soddisfazione. Nico Patschinski ne è l'esempio. 

L'ex calciatore Nico PatschinskiLiga-Zwei.de
Nico Patschinski dopo l'intervista con Liga-Zwei.de

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.